Architettura italiana negli anni '60 e seconda avanguardia

mercoledì 31 gennaio 2007 alle ore 17.30
alla Casa dell'Architettura
piazza Manfredo Fanti 47, Roma

 

scarica la locandina dell'evento | scarica l'invito



Presentazione del libro di

Marcello Pazzaglini

Architettura italiana negli anni '60 e seconda avanguardia
Gruppo Mancosu editore, Roma 2006


dirige il dibattito: Piero Ostilio Rossi


intervengono: Alessandro Anselmi, Giovanni Bartolozzi, Claudia Conforti, Franco Purini

 

 

 

 

 

 

"Gli anni '60 rappresentano, per la ricerca architettonica in Italia, un periodo del tutto particolare: quello caratterizzato da una tensione volta a rinnovare il linguaggio e suoi contenuti; una tensione al rinnovamento in cui le neoavanguardie, le seconde del Novecento, svolgono un ruolo propulsivo.

In questa direzione si impegnano molte delle ricerche artistiche nel campo delle arti figurative, della letteratura, del cinema, dei costumi; vi è un rinnovarsi degli studi sul linguaggio, sulla forma. E' un insieme di percorsi complessi, interrelati, anche fortemente contraddittori. E', in architettura, una risposta alla crisi del Movimento Moderno incapace, nella sua componente più importante quella del razionalismo, di affrontare i profondi e contraddittori mutamenti avviati dopo il periodo della ricostruzione degli anni '50, dove per altro cominciano sperimentazioni in molte direzioni. Il riemergere negli anni ‘60 delle avanguardie, esse stesse storica componente propulsiva del Movimento Moderno nei primi decenni del Novecento, non può stupire. Le avanguardie si confrontano con le innovazioni nel campo della tecnologia, sollecitano sperimentazioni, affrontano i temi dello sviluppo urbano e metropolitano, rappresentano uno stimolo per poetiche e ambiti architettonici anche lontani, offrono materiali e procedimenti compositivi per percorsi anche contrapposti, la storia viene riletta in tutt'altra luce. Questo insieme di ricerche che ha fortemente caratterizzato l'architettura italiana ed internazionale degli anni '60 si confronta con un quadro economico-produttivo, sociale e politico dai forti contrasti, dalle grandi contraddizioni, in profondo mutamento anche per le innovazioni tecnologiche che si verificano in molti settori come i trasporti, le telecomunicazioni, i beni di consumo durevoli e no. Di queste innovazioni ne sono il simbolo le conquiste spaziali.

La molteplicità delle ricerche architettoniche viene affrontata nel libro attraverso una serie di temi tra i quali: il confronto con la seconda avanguardia, la qualità dello sviluppo, l'architettura della memoria e l'eredità del fascismo, gli strumenti di intervento nella città, le poetiche della continuità e della contaminazione, l'architettura e il design, lo sperimentalismo critico, la critica alle avanguardie, il ruolo della storia e le proiezioni oltre gli anni '70.

Negli apparati si offre poi una selezione bibliografica dei libri di architettura e arte pubblicati in Italia dal 1960 al 1970 e l'elenco delle riviste di architettura pubblicate nel periodo."


data pubblicazione: martedì 23 gennaio 2007
architettiroma è su twitter architettiroma è su facebook le istruzioni per iscriversi al feed RSS Iscriviti alla newsletter di architettiroma.it
Incontri di Architettura Architettura italiana negli anni '60 e seconda avanguardia