Patrimonio culturale e rischio sismico

giornata di studio sul tema

MINISTERO PER I BENI E LE ATTIVITA' CULTURALI
DIREZIONE GENERALE PER I BENI ARCHITETTONICI E PAESAGGISTICI

invita a partecipare al convegno

Patrimonio culturale e rischio sismico

che si terrà

il 15 giugno 2007

alla Sala dello Stenditoio al Complesso del San Michele
via di San Michele 22 - Roma

Valutare il rischio sismico dei beni d'interesse culturale entro 5 anni: è quanto ha stabilito l'OPCM 3274 del 2003, ritenendo strategico tutelare il patrimonio culturale dai movimenti tellurici che riguardano il 64% del territorio italiano e più di 4.600 Comuni.

La Direzione generale per i beni architettonici e paesaggistici del MiBAC e il Dipartimento per la protezione civile hanno tracciato, a questo scopo, le Linee Guida per la valutazione e riduzione del rischio sismico del patrimonio culturale.

Nel corso di una Giornata di Studio, organizzata per il 15 giugno a Roma, le Linee Guida saranno illustrate e proposte - agli uffici periferici del MiBAC e a tutte le figure professionali interessate - come uno strumento di lavoro e di conoscenza in grado di assicurare attività di prevenzione e interventi strutturali rispettosi di ogni contesto storico-artistico.

L'equilibrio fra sicurezza sismica e tutela dei beni culturali sarà oggetto del più ampio confronto, grazie al contributo di esperti italiani e stranieri accanto a specialisti del mondo accademico, della Protezione civile e del Ministero per i Beni e le Attività Culturali.


Programma della Giornata di Studio dedicata alle Linee Guida per la valutazione e riduzione del rischio sismico del patrimonio culturale. (in formato .PDF 1627 KBytes)

----------------------------------------
INFO:
Telefono: 065843-4417
Sito Web: http://www.bap.beniculturali.it/news/index.html#patrimonio_home


data pubblicazione: venerdì 8 giugno 2007
architettiroma è su twitter architettiroma è su facebook le istruzioni per iscriversi al feed RSS Iscriviti alla newsletter di architettiroma.it
Incontri di Architettura Patrimonio culturale e rischio sismico