Paolo Angeletti. Disegni di architettura

inaugurazione: venerdì 25 febbraio alle ore 17,00
Casa dell'Architettura, spazio "Monitor P", piazza Manfredo Fanti 47  Roma

periodo espositivo: 25 febbraio - 18 marzo 2011


INVITO - LOCANDINA

 

Paolo Angeletti. Disegni di architettura

a cura di Alessandra Capuano, Antonella Greco, Fabrizio Toppetti

Inaugurazione e Tavola Rotonda

introducono:

  • Amedeo Schiattarella
    Presidente Ordine degli Architetti P. P.C. di Roma e provincia
  • Renato Masiani
    Preside Facoltà di Architettura Sapienza Università di Roma
  • Piero Ostilio Rossi
    Direttore Dipartimento di Architettura e Progetto Sapienza Università di Roma

Intervengono oltre ai curatori:
Carmen Andriani, Antonella Bonavita, Francesco Cellini, Alfonso Giancotti


Per qualche mese ci siamo incontrati, con Gaia Remiddi, nello studio di via della Minerva, dove riuniti attorno a un tavolo disegnato da Paolo abbiamo aperto cartelle e rotoli di disegni studi e progetti. Gaia c'è ma non c'è. Ci guida, con amore e coinvolgimento, ma anche con sorprendente lucidità, in questo viaggio a ritroso, dentro una biografia che nel caso di specie, è prima di tutto, per lei, autobiografia. Un viaggio della memoria, emozionante, stimolante, pieno di scoperte. L'obiettivo dei nostri incontri è quello di selezionare disegni per una esposizione. Una esposizione che vorremmo raccolta, misurata, essenziale. Non un disegno in più. Perché una mostra di disegni di Paolo Angeletti?

L'occasione nasce dalla volontà espressa dal DiAR (Dipartimento di Architettura della Sapienza oggi confluito nel DiAP Dipartimento di Architettura e Progetto), il nostro dipartimento, di organizzare una iniziativa per ricordare la sua figura. La ragione culturale e scientifica attiene alla volontà di fissare l'attenzione su una personalità di rilievo nel panorama romano e sul disegno come strumento di lavoro per l'architetto.

La maggior parte dei disegni che abbiamo scelto sono di mano di Paolo. Altri riguardano progetti dello studio Angeletti&Remiddi, spesso nei casi dei concorsi, si tratta di gruppi allargati. I progetti sono noti e sono di tutti coloro che vi hanno lavorato, progettisti e collaboratori. In questo caso, quando si tratta dei disegni geometrici, si è posto il problema della attribuzione, ovvero dell'autografia. Eppure, estendendo il campo semantico al progetto di disegno, l'autoralità può ampliarsi oltre l'autografia, se la presentazione delle cose supera l'oggettività della rappresentazione. La questione è aperta. Non spetta a noi dirimerla. Disegni di differente natura, fatti per occasioni e motivi diversi, in un arco temporale che va dalla fine degli anni cinquanta ai primi anni del nuovo millennio.

Il risultato è un panorama sufficientemente ampio e rappresentativo delle varie sfaccettature della figura di Paolo Angeletti e delle declinazioni molteplici del disegno di architettura. Alessandra Capuano, Antonella Greco, Fabrizio Toppetti


data pubblicazione: mercoledì 16 febbraio 2011
architettiroma è su twitter architettiroma è su facebook le istruzioni per iscriversi al feed RSS Iscriviti alla newsletter di architettiroma.it
Incontri di Architettura Paolo Angeletti. Disegni di architettura