La VAS nel Lazio: attori, ruoli, procedure

La Regione Lazio e l'Istituto Nazionale di Urbanistica promuovono un incontro pubblico, destinato principalmente agli Enti Locali del Lazio, in cui verranno esposte le modalità di svolgimento della VAS e le procedure da mettere in campo per le attività di pianificazione e programmazione.

È prevista una sessione in cui si risponderà ai quesiti pervenuti per posta elettronica all'email: inu.vas@gmail.com entro il 14 marzo 2011

Per ragioni organizzative è necessario confermare la propria partecipazione entro il giorno 20 marzo 2011 compilando il modulo on line disponibile su www.inu.it

»» Scarica il programma degli interventi

»» modulo per l'invio dei quesiti on line

 

Programma

  • ore 9.00 Registrazione dei partecipanti e ritiro dei materiali
  • ore 9.15 Saluti Marco Mattei, Assessore all'Ambiente e Sviluppo Sostenibile - Regione Lazio

    Coordina
    Alessandra Fidanza, Resp. INU Gruppo VAS
  • ore 9.30 Introduzione Giuseppe Tanzi, Direttore Regionale Ambiente - Regione Lazio Lucio Contardi, Vice-Presidente INU Lazio
  • ore 10.00 Presentazione dell'iniziativa
    • Paolo Menna, Dirigente Area Via Regione Lazio
    • ore 10.30 Coffee Break
    • ore 11.00 Relazioni tecniche
      • Roberto Brunotti, Area VIA Regione Lazio
      • Paolo Cecchetti, INU Gruppo VAS
      • Alessandra Fidanza, INU Gruppo VAS
      • Ilaria Scarso, Ass. Urbanistica Regione Lazio
    • ore 12.30 Domande e risposte
    • ore 13.30 Conclusioni

La VAS è un insieme di procedure che si inserisce nei processi di pianificazione e programmazione, richiedendo a chi predispone gli strumenti a cui essa si applica (proponenti e autorità procedenti) un esercizio di valutazione endogena della loro sostenibilità, nonché una stretta interlocuzione con l'autorità competente, che nella Regione Lazio è stata individuata nell'Area VIA della Direzione Ambiente (l.r. 14/2008).

La VAS è normata a livello nazionale dal d. lgs. 152/2006 e smi (da ultimo il d. lgs. 128/2010), che si applica nella Regione Lazio anche secondo le Disposizioni operative in merito alle procedure di VAS di cui alla DGR 169/2010.

In questo primo periodo di applicazione della VAS nel Lazio sono sorte molte criticità, dovute principalmente alla novità dello strumento e alla necessità di interagire con l'autorità competente da parte di numerosi Enti Locali.

La VAS si applica infatti a tutti i piani e programmi che sono elaborati per i settori agricolo, forestale, della pesca, energetico, industriale, dei trasporti, della gestione dei rifiuti e delle acque, delle telecomunicazioni, turistico, della pianificazione territoriale o della destinazione dei suoli, e che definiscono il quadro di riferimento per l'approvazione, l'autorizzazione, l'area di localizzazione o, comunque la realizzazione dei progetti sottoposti a VIA e a Verifica di assoggettabilità, o per i quali, in considerazione dei possibili impatti sulle finalità di conservazione dei siti designati come zone di protezione speciale per la conservazione degli uccelli selvatici e di quelli classificati come siti di importanza comunitaria per la protezione degli habitat naturali, della flora e della fauna selvatica, si ritiene necessaria una valutazione d'incidenza ai sensi dell'articolo 5 del DPR 357/1997 e smi.


data pubblicazione: mercoledì 9 marzo 2011
architettiroma è su twitter architettiroma è su facebook le istruzioni per iscriversi al feed RSS Iscriviti alla newsletter di architettiroma.it
Incontri di Architettura La VAS nel Lazio: attori, ruoli, procedure