La Complessità nel progetto contemporaneo per un'architettura responsabile

venerdì 2 dicembre 2011 ore 10.00
Palazzo Caetani Fondi

Il 16 novembre scorso è stato approvato dal Consiglio della Regione Lazio  il provvedimento che contiene le disposizioni in materia di architettura sostenibile e di bioedilizia, e che definisce le procedure per l'accreditamento dei soggetti abilitati al rilascio della certificazione. Di fatto  la Legge Regionale n. 6 del 2008 diventa finalmente operativa. Tale  provvedimento consente l'applicazione del  Protocollo Itaca, che è lo strumento essenziale per valutare la sostenibilità degli edifici, obbligatorio per le Ater e per tutti gli immobili regionali  per poter accedere a contributi nella misura del 60%  (rimane facoltativo per i privati)


Di tutto questo si discuterà il 2 dicembre prossimo, alle ore 10.00 a Fondi presso il Centro Regionale CREIA. È previsto l'intervento dell'Assessore Marco Mattei e dell'Assessore Teodoro Buontempo che insieme al Sindaco di Fondi Salvatore De Meo e al Direttore del CREIA  Mauro Antonelli daranno il benvenuto ai partecipanti.

Interverranno inoltre  il Prof. Arch. Massimo Pica Ciamarra  Docente dell'Università Federico II di Napoli,  il Prof. Arch. Francesco Bianchi Docente di Roma TRE  e  l'Arch. Patrizia Mazzoni Socio della Sezione Roma 1 INBAR che insieme all'Arch. Rossella Sinisi che modera l'incontro faranno il punto  sull'applicazione del Protocollo ITACA, il sistema per la valutazione energetica ed ambientale dei nuovi edifici: strumento indispensabile per chi si avvale del Piano Casa e vuole certificare l'Ecosostenibilità  e la Biocompatibilità delle costruzioni.

Siamo in un'epoca di rapidi e profondi cambiamenti globali: un tempo in cui le scelte devono salvaguardare il futuro del pianeta e delle prossime generazioni e l'architettura è la disciplina che trasforma nel tempo l'ambiente che ci circonda. E' indispensabile che l'architettura si misuri con le grandi questioni di questo secolo: lo sfruttamento delle risorse naturali, lo sviluppo sostenibile, il risparmio energetico, i processi di inurbamento, l'integrazione sociale e la sicurezza.

Per l'occasione verrà  inaugurata la Mostra Internazionale di architettura dal titolo: "La Complessità nel progetto contemporaneo per un'architettura responsabile" progettata e allestita dallo studio EKO-Project di Roma, in collaborazione con la Sezione Roma1-INBAR, con  il Patrocinio del Ministero dell'Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, della Regione Lazio (Assessorato all'Ambiente e Sviluppo Sostenibile e Assessorato alle Politiche della Casa), nonche' con il Patrocinio del Consiglio Nazionale degli Architetti. Questa mostra itinerante fa tappa a Fondi dopo essere stata esposta in diverse città italiane: a Torino in occasione del Congresso Internazionale degli Architetti e poi a Milano, Benevento, Genova, Civitavecchia, Siracusa, Napoli, Messina e Roma.

Il carattere illustrativo dell'esposizione, spunto di analisi e approfondimento per la realtà italiana, è una panoramica sulle realizzazioni più interessanti dell'architettura sostenibile nel mondo. Saranno presentate le opere di grandi maestri dell'Architettura, che hanno messo la creatività e la tecnologia al servizio del risparmio energetico e del riutilizzo di materiali: Emil  Ambasz,  Mario Cucinella,  Joachim Eble,  Norman Foster,  Thomas  Herzog,  Gernot Minke,  Renzo Piano,  Massimo Pica Ciamarra,  George W.  Reinberg,  Philippe Samyn,  Paolo Soleri,  Alexandos Tombazis.

 

Invito | Locandina

Per maggiori informazioni: tel. 06.4543.4457 - fax 06.4543.6272


data pubblicazione: mercoledì 30 novembre 2011
architettiroma è su twitter architettiroma è su facebook le istruzioni per iscriversi al feed RSS Iscriviti alla newsletter di architettiroma.it
Incontri di Architettura La Complessità nel progetto contemporaneo per un'architettura responsabile