In vigore il "Milleproroghe" 2008

di Enrico Milone

MILLEPROROGHE 2008

Anche in questa fine d'anno, il Governo ha varato un decreto “milleproroghe”. Si tratta del decreto legge 31.12.2007 n.248, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del 31.12.2007 n.302. Il decreto è entrato in vigore dal 31 dicembre 2007, ed è quindi immediatamente applicabile, ma per avere efficacia definitiva dovrà essere convertito in legge dal Parlamento entro 60 giorni, pena la sua decadenza.

Sono stati presentati in Parlamento moltissimi emendamenti al decreto-legge, per cui si può supporre che il testo finale del provvedimento sarà notevolmente modificato, come è stato per il milleproroghe dell'anno precedente.

Comunque diamo di seguito una breve illustrazione delle principali disposizioni che possono interessare gli architetti.

  • Strutture ricettive turistico-alberghiere. Facendo seguito a quanto previsto nella precedente legge milleproroghe n.17 del 26.2.2007, viene prorogato al 30 giugno 2008 il termine entro il quale deve essere completato l'adeguamento, ai fini della prevenzione incendi, delle strutture ricettive turistico-alberghiere con oltre 25 posti letto. La proroga si applica a quelle strutture per le quali era stato presentato al Comando dei vigili del fuoco, entro il 30 giugno 2005, il progetto di adeguamento per l'acquisizione del parere di conformità previsto dall'articolo 2 del Dpr 37/1998. (articolo 3).
  • Eliminazione delle barriere architettoniche nei locali aperti al pubblico. Prorogato di un anno, al 31 dicembre 2008, il termine che era stato fissato dalla legge Finanziaria 2007 per l'ottenimento dei contributi per le spese sostenute dai gestori di attività commerciali per lavori di eliminazione delle barriere architettoniche (articolo 4).
  • Arbitrati. Per consentire la devoluzione delle competenze alle sezioni specializzate in materia di proprietà industriale e intellettuale (DLgs 168/2003 art.1), i vincoli in materia di arbitrati previsti dalla Finanziaria 2008 si applicano dal 1° luglio 2008 (articolo 15).
  • Contratti pubblici. Le disposizioni di cui all'articolo 256, comma 4, del Codice degli appalti, DLgs 163/2006, riferite agli articoli da 351 a 355 dell'allegato F alla legge 2248/1865, si applicano  a  decorrere dalla scadenza del termine di cui all'articolo 25, comma 3, della legge 62/2005 (articolo 19).
  • Regime transitorio per le Norme tecniche per le costruzioni. Articolo 20. L'entrata in vigore delle nuove "Norme tecniche per le costruzioni" sarà accompagnata da un periodo transitorio nel quale sarà consentita la possibilità di applicazione, in alternativa, della normativa precedentemente in vigore. Sarà invece immediatamente obbligatoria l'applicazione delle Norme per gli edifici di interesse strategico e le opere infrastrutturali la cui funzionalità durante gli eventi sismici assume rilievo fondamentale  per le finalità di protezione civile, nonchè per gli edifici e le opere infrastrutturali che possono  assumere  rilevanza in relazione alle conseguenze di un loro eventuale  collasso (articolo 20).

La vicenda delle Norme tecniche si complica per il fatto che dopo il 31.12.2007 è terminato il periodo transitorio di applicazione facoltativa delle norme del decreto ministeriale 14.9.2005. Pertanto le norme di tale decreto sarebbero da applicare obbligatoriamente nel periodo dal 1 gennaio 2008 fino all'entrata in vigore delle emanande Norme Tecniche per le costruzioni. In tale periodo, non sarebbe possibile continuare ad applicare, per le costruzioni private, le norme precedenti. Il decreto sulle Norme tecniche è stato approvato recentemente dal Ministero delle Infrastrutture, ma deve avere il parere favorevole di altri ministeri prima di uscire sulla Gazzetta ufficiale. Entrerà in vigore 30 giorni dopo la pubblicazione.

 

di Enrico Milone, architetto
del 18.01.08

 

invia la tua opinione!

 


 



 

vedi anche:

Arriva il decreto ma il caos resta

Norme tecniche sulle costruzioni - breve rass.stampa


data pubblicazione: venerdì 18 gennaio 2008
architettiroma è su twitter architettiroma è su facebook le istruzioni per iscriversi al feed RSS Iscriviti alla newsletter di architettiroma.it
Architettura sul web In vigore il "Milleproroghe" 2008