Fuksas, l'Italia vince in Cina

Aeroporto di Shenzhen - breve rassegna stampa

Intervista - FUKSAS, L'ITALIA VINCE IN CINA

Massimiliano Fuksas sbarca in Cina. Mentre è ancora alle prese con il cantiere del Palazzo dei Congressi di Roma e con quello del grande show room newyorchese di Armani, l'architetto lavora alla realizzazione del nuovo aeroporto di Shenzen. Pechino ha da pochi giorni approvato il suo progetto, preferendolo a quelli di Norman Foster e Kisho Kurokawa. E così il nuovo scalo della città che si trova a un'ora da Hong Kong, in un'area regionale che serve direttamente 200 milioni di abitanti, vedrà la luce nel 2011, in contemporanea con la "Nuvola" dell'Eur. Si svilupperà lungo 400mila metri quadri, per un investimento da 1,5 miliardi di euro.

  • Fuksas, che aspetto avrà l'aeroporto? «Sarà costituito da un elemento lineare a croce con una grande testa a forma di pesce. L'idea è di suggerire leggerezza. A chi guarda sembrerà che la struttura sia stata modellata dal vento. I cinesi riconoscono il valore del design italiano, ma, prima della decisione, hanno chiesto al governo Prodi di fornire delle credenziali sul mio studio. Si è trattato di una piacevole e inattesa collaborazione da parte di Palazzo Chigi».
  • Il suo nuovo impegno prende il via in un momento in cui l'architettura contemporanea da un lato e la Cina dall'altro sono sotto accusa... «Evidentemente, al di là delle critiche, la contemporaneità sta seguendo il suo corso. Il problema sollevato da Adriano Celentano, che comunque dovrebbe occuparsi di altro (il cantante ha contestato in un blog Fuksas e i colleghi, definendoli "archicarnefici", ndr), riguarda in realtà le periferie. Dove nessuno può dire che si è costruito bene. Prima o poi, bisognerà affrontare questo dramma. Per quanto riguarda la Cina, invece, non ho mai creduto nei boicottaggi. L'apertura verso gli altri è fondamentale: il Dalai Lama lo dice molto meglio di me. Oggi la Cina pone i temi della globalizzazione. Pechino è una città incredibile, vivissima dal punto di vista delle arti. Noi occidentali dobbiamo imparare a dialogare con l'Oriente, rispetto al quale, in termini numerici, siamo una minoranza».
  • Questa settimana la attende un altro verdetto: potrebbe firmare il primo Museo Guggenheim sul Baltico... «Sorgerà a Vilnius, ma in gara con me ci sono anche Zaha Hadid e Daniel Libeskind. Comunque, dopo l'assegnazione dell'Expo a Milano e dell'aeroporto di Shenzen al mio studio, è un altro segno che dovrebbe invitare l'Italia a tornare ottimista sulle sue possibilità».

 

di Dario Pappalardo
da La Repubblica del 07.04.08


ARCHITETTURA D'AUTORE. «Così ho vinto la partita di Shenzhen». Fuksas: l'offerta sul prezzo era il doppio di quella americana, decisiva la qualità del design italiano. La firma italiana racconta la vittoria al concorso per progettare il quarto aeroporto cinese - Battuti big come Foster e Kurokawa. «La trattativa finale è durata più di dodici ore di fila: come sconto ci hanno chiesto di ideare un piccolo edificio da regalare al sindaco».

«Lo immagino più come un pesce che come un uccello. Una manta, una razza che respira, cambia forma, ha una sua dolcezza, si piega, subisce variazioni, prende luce, rimanda luce, la fa filtrare dentro. Con una doppia pelle, quella esterna e quella che, all'interno, pure si modifica come una grande scultura. E in mezzo, fra le due pelli, tutto il sistema degli impianti, che punta a ridurre al minimo il consumo di energia e le emissioni».

Massimiliano Fuksas, 64 anni, presenta in anteprima al Sole 24 Ore il progetto con cui ha vinto il concorso internazionale di architettura per il nuovo terminal dell'aeroporto cinese di Shenzhen, superando, nell'ultima fase altri big dell'architettura mondiale come i britannici Foster e Foreign Office Architects, i tedeschi di Gmp International, il giapponese Kisho Kurokawa, gli americani di Reiser+Umemoto. L'opera, che consentirà allo scalo di diventare il quarto della Cina e di arrivare a 40 milioni di passeggeri, comporterà un investimento totale di 1,5 miliardi per sottrarre un'area alla laguna e trasformarla in un landmark simbolo dell'impetuoso sviluppo cinese da 400mila metri quadrati.

  • Perchè ha vinto questo progetto, architetto Fuksas? «Bisognerebbe chiederlo ai committenti. Certo non l'abbiamo vinto giocando al ribasso sulle parcelle, visto che la nostra offerta era il doppio di quella degli americani. Non siamo andati lì a fare un certo tipo di italiani. Semmai è l'idea del design italiano che è ancora vincente nel mondo. Tutti gli interlocutori con cui abbiamo parlato conoscevano l'Italia. Firenze, sicuro, ma anche Milano e Roma».
  • È stata una partita dura? «Il concorso è stato duro, siamo partiti in venti, è durato dieci mesi. Il nostro progetto è risultato il migliore. È stata significativa la trattativa finale sul prezzo, dodici ore di fila: colazione, pranzo e cena. Alla fine, però, non hanno voluto uno sconto sulla fee, che noi abbiamo rigorosamente voluto in euro e non in dollari, ma di progettare un altro edificio di 50mila metri quadrati da destinare a business center e uno più piccolo di tremila metri quadrati come "regalo al sindaco". Mentre noi discutevamo, loro stavano già lavorando, con la palificazione, per sottrarre la terra alla laguna».
  • C'è da credere che ora aprirete uno studio anche in Cina, per sbarcare in forze, come altri studi di architettura. «Lo studio è già aperto. Se mi arriva un altro bel progetto in Cina, lo prendo. Ma non mi interessa la conquista di mercati. A me interessano singoli progetti».
  • Non la imbarazza prendere un lavoro in Cina proprio ora, con quel che accade in Tibet? «Io sono sempre stato contro il boicottaggio e mi fa piacere che la pensi così anche il Dalai Lama. Per migliorare le cose è importante parlare e lavorare con gli altri. I boicottaggi portano a forme di autarchia, che non aiutano nessuno. Basti guardare Cuba, come poteva crescere e non è cresciuta. Quanto alla Cina, nessuno può giudicare, senza conoscerla a fondo: una civiltà che ha cinquemila anni di storia e governa 1,6 miliardi di esseri umani. Un Paese che sta ancora una volta dimostrando una grande modernità».
  • Che genere di modernità? «Pechino è più moderna di New York, con gli studi d'arte, gli scrittori, gli intellettuali, il cinema. New York ormai è una città storica mentre la nuova frontiera della cultura è la Cina, dove c'è una forte immaginazione del futuro. Ma il punto forte della modernità cinese è un altro: è il governo dei grandi numeri. Riuscire a governare 1,6 miliardi di persone li rende più omogenei al mondo globalizzato di quanto lo sia la vecchia e stanca Europa».
  • Fatte le dovute proporzioni, anche un aeroporto è governo di grandi numeri. «Sì, certo. Progetti un'opera pensando che sarà per 40 milioni di passeggeri, ma devi farlo pensando che potrebbe diventare anche per sessanta».
  • Che pensa degli aeroporti italiani? «Dell'aeroporto di Roma penso che sia una baraccopoli, un caos che non è mai stato ripensato in termini unitari. È il più brutto aeroporto continentale, caotico, fatto di addizioni occasionali. Non è mai stato fatto un concorso internazionale, non si capisce perchè continui a lavorarci uno studio di ingegneria interno».
  • Il problema è solo Fiumicino? «No, anche Malpensa è orribile, neanche Sottsass, che ha fatto gli interni, è riuscito a venirne a capo in modo dignitoso. A Milano l'aria è cambiata solo dopo, con la Fiera. Comunque non c'è stata una politica degli aeroporti in Italia, è chiaro. Molte strutture sono state fatte negli anni '80 che erano anni di malaffare, con gli appalti-concorso e l'impresa in cordata con un architetto sponsorizzato dalla politica. Mani pulite, insomma».
  • L'aeroporto è città? «Sì, l'aeroporto è la città di oggi. Quando ho fatto la Fiera, pensavo a un aeroporto, un lungo percorso di 1,6 chilometri su due livelli».
  • Anche la stazione è città. «La stazione è un posto diverso. L'aeroporto è ormai una struttura lineare, un lungo percorso, una passerella: è l'ultima generazione di aeroporti. La stazione ha una testata, un nucleo, un nocciolo dove le cose passano. La linearità di un aeroporto è data dai gates, decine e decine di gates. La gestione dei flussi. La sicurezza senza fare troppe barriere, anche una sfida tecnologica».
  • Che cosa non ha funzionato al Terminal 5 di Heathrow? «Anche quella è un'addizione. Quando fai un aeroporto oggi, devi buttare via tutto quello che c'era prìma, ripensare completamente l'aeroporto, il suo sistema. Oggi i progetti devono essere macrostrutture che ridanno qualità alla vita della gente. I nostri committenti cinesi ci hanno detto: fate un aeroporto, fatelo pensando alla vita della gente che ci sta dentro. Un posto dove si possa stare bene anche se l'aereo è in ritardo».
  • È una metafora di quello che succede nelle nostre città ferme nel tempo? «Una volta la città si stratificava nei secoli. Quello che realizziamo oggi dobbiamo renderlo storico in venti minuti. Dobbiamo dare risposte in tempi rapidi a una quantità di richieste spaventose».
  • Quasi un'apologia della demolizione e ricostruzione. Farà inorridire quelli che difendono la conservazione storica. «Piangessero. Oggi la questione fondamentale è realizzare le infrastrutture. Non possiamo più pensare che la rete italiana Av non sia collegata alla rete europea perchè c'è un numero limitato di persone che blocca tutto».
  • Si è allontanato da Bertinotti e si è avvicinato a Veltroni per questa ragione? «È certamente una delle due ragioni fondamentali. L'altra è che l'anticapitalismo è qualcosa di arcaico, ormai».
  • Che pensa di Alitalia?  «Quante volte abbiamo detto, al personale Alitalia, in uno dei tanti momenti di disservizio «speriamo che un giorno questa vicenda finisca»? Ecco, ci siamo. È stata una gestione pessima, il segno di 25 anni di catastrofe del sistema dei trasporti in Italia».
  • Dopo l'altolà a Condotte, non teme che si fermi anche la Nuvola? «Sono sconcertato. Questo è un Paese assurdo, in cui un giorno apri il giornale e trovi il ministro Di Pietro che dice «togliete tutti i lavori a Condotte». Un'impresa che sta lavorando in modo serio con noi al cantiere della Nuvola. Spero proprio che si vada avanti. Penso che i problemi della mafia non li posso gestire io, io architetto, io impresa, ma deve risolverli lo Stato. Altrimenti le imprese serie non andranno più a lavorare nel Sud e lo abbandoneranno al proprio destino».

Il nuovo terminal: una grande «manta» a basso consumo energetico
Il progetto. (...) La superficie complessiva della struttura sarà di 400mila metri quadrati: (...) due livelli per il trasferimento dei passeggeri e la zona commerciale. Un terzo piano realizzato in alto è dedicato a strutture di servizio e commerciali. C'è anche un piano sotterraneo per il passaggio dei treni di trasferimento ai gates. (...)

LO STAFF E I RETROSCENA
Dalla Germania agli Usa sei studi in competizione. Lo studio di Massimiliano e Doriana Fuksas ha vinto il concorso di architettura lanciato nel giugno 2007 dall'aeroporto di Shenzhen. Alla prima fase erano stati invitati una ventina di architetti di fama mondiale. A presentare il progetto erano stati poi chiamati sei studi: Fuksas, gli inglesi Foster e Foreign Office Architects, l'americano Reiser+Unemoto, il giapponese Kisho Kurokawa, il tedesco Gmp (von Gerkan, Marg and partner). In finalissima Fuksas è arrivato insieme agli americani di Reiser+Umemoto. Responsabili del progetto vincente sono due architetti dello studio Fuksas: la cinese Fang Tian e il tedesco Christian Knoll.
La lettera di Pechino per l'assegnazione. L'aeroporto di Shenzhen, città localizzata all'estremo sud della provincia di Guangdong, ha comunicato il 28 marzo scorso (nella foto, la lettera in cinese) allo studio Fuksas l'aggiudicazione del progetto del nuovo terminal. L'opera è al centro di un piano di investimenti complessivo da 1,5 miliardi di euro. Il nuovo terminal avrà una superficie complessiva di 400mila metri quadrati e consentirà allo scalo di diventare il quarto della Cina dopo Pechino, Shanghai e Guangzhou, con un traguardo a regime di 40 milioni di passeggeri. L'aeroporto di Shenzhen servirà un bacino di 40 città con una popolazione di oltre un milione di abitanti, posti a una distanza di tre ore di aereo.

 

di Giorgio Santilli
da Il Sole 24ore del 05.04.08

 

invia la tua opinione!

 


 


 

Commenti

10/04/2008 14.56: Se questa è Architettura!
«Lo immagino più come un pesce che come un uccello. Una manta, una razza che respira, cambia forma, ha una sua dolcezza, si piega, subisce variazioni, prende luce, rimanda luce, la fa filtrare dentro. Con una doppia pelle, quella esterna e quella che, all'interno, pure si modifica come una grande scultura. E in mezzo, fra le due pelli, tutto il sistema degli impianti, che punta a ridurre al minimo il consumo di energia e le emissioni». Nuvole, pesci, conchiglie, chissà, forse in qualche caso anche tappeti Kilim. Volendo parafrasare il titolo di Primo levi "Se questo è un architetto" . Non scrivo volutamente altro, tutto si commenta da solo, lascio a ciascuno di voi trarre le conclusioni, ma vi prego, non chiudetevi in voi stessi, non rinunciate, il sistema conta su questo, è la logica perversa del potere.
Architetto Andrea Balsimelli

vedi anche:

I nuovi architetti: meglio la Terza via

né utopie totalitarie né ritorni nostalgici al classico

Etica ed Architettura

una "provocazione" di Daniel Libeskind - rass.stampa

Adesso gigantesco è bello... (?)

Progetti vincenti in Cina, Usa e Russia - rass.stampa

Il Colosseo di Fuksas per il rock

Zènith Strasbourg-Europe - breve rass.stampa

Eur, è l'ora della Nuvola

Centro congressi - agg. rassegna stampa

Vecchia Fiera, ecco le archi-star

Cristoforo Colombo - agg. rassegna stampa

Via alla rivoluzione dell'Eur

Massimiliano Fuksas e Renzo Piano

Fuksas e il giallo del progetto sparito

Roma - sede dell'Agenzia Spaziale Italiana


data pubblicazione: mercoledì 9 aprile 2008
architettiroma è su twitter architettiroma è su facebook le istruzioni per iscriversi al feed RSS Iscriviti alla newsletter di architettiroma.it
Architettura sul web Fuksas, l'Italia vince in Cina