Filosofia & Architettura

Riflessioni su Jacques Derrida - breve rassegna stampa

Dibattiti. «Derrida si chiedeva: che c'entro io con l'architettura?». Massimiliano Fuksas interviene sui rapporti tra pensiero decostruzionista e progettazione.

Non sono sicuro che Derrida abbia «armato» la mano degli architetti. Sicuramente non è il filosofo francese l'inventore della pessima espressione «archistar», che il titolo del pur felice articolo di Pierluigi Panza (Corriere della Sera del 15 novembre [in calce, ndr]) evoca. Il merito dell'articolo è quello di rimettere in discussione, in termini positivi, i rapporti fra filosofia e architettura. A parte la passione vibrante di Bernard Tschumi per Derrida sin dall'epoca del concorso per il Parc de la Villette da lui vinto, e di François Barré, sofisticato intellettuale allora presidente dell'Etablissement Public del Parc de la Villette, non ci sono molte spiegazioni al successo delle teorie di Jacques Derrida nel mondo dell'architettura. A questo proposito vorrei ricordare qui di seguito una mia breve nota apparsa su L'Espresso del 28 ottobre 2004.

Alcuni anni fa, Derrida disse che non riusciva a comprendere perché fosse così amato e citato dagli architetti in tutto il mondo. Alla fine di una conferenza mi confidò che aveva più inviti da gruppi di architetti che da facoltà di filosofia. L'autore di Il sogno di Benjamin, Politica dell'amicizia, L'ospitalità, Quale domani, e studioso e critico di Heidegger, amico di Foucault, di Lacan e degli strutturalisti, scomparso nel 2004, ha avuto una fortuna incredibile per chi professa la fede nel costruire! La parola chiave decostruzionismo, utilizzata da Derrida come base per una riflessione critica su gran parte della filosofia, è stata per gli architetti una parola magica. Alcuni anni fa Philip Johnson organizzò a New York una mostra con questo titolo. Chiamò un gruppo di creatori differenti tra loro, ma resi simili e omogenei dal «cappello» con cui coprì Gehry, Coop Himmelblau, Zaha Hadid e altri: tentava di riprodurre l'effetto che aveva avuto decenni prima il libro International style, in cui aveva dato limiti e contenuti a una lunga serie disomogenea di autori.

Non so bene in che modo un architetto possa aver trasferito le «aporie» di Derrida nel vile mestiere dell'acciaio, del vetro, del mattone o simili. In ogni caso la parola «decostruttivismo» ha generato un movimento che probabilmente per Derrida era quanto mai semplicistico. Forse le tracce della sua influenza nel piccolo universo dell'architettura si possono trovare in concetti come il passaggio al limite, l'evento, la casualità di molti accadimenti e la difficoltà di comprenderne i meccanismi. Come diceva: «La decostruzione passa per essere iperconcettuale e certamente lo è, dal momento che fa un grande consumo di concetti, concetti che genera almeno tanto quanto eredita. Essa tenta di pensare oltre i confini stessi del concetto».

  • Metodo - Le tracce della sua influenza nell'architettura si trovano in concetti come limite, evento e casualità degli accadimenti

 

di Massimiliano Fuksas
dal Corriere della sera del 18.11.08


Dibattiti. L'architettura processa Derrida. «Cattivo maestro» o «utopista», ha armato la mano delle archistar. Escono in italiano gli scritti del filosofo francese sull'arte di edificare la città.

La storia dei grattacieli storti, disassati, antisimmetrici - prima invocati per non escludere l'Italia dalla nouvelle vogue architettonica, poi denunciati come edifici alla moda e incompatibili con il contesto urbano della città europea -, ha una data di inizio, che si può fissare nel 1985. È l'anno in cui l'architetto Bernard Tschumi, vincitore del concorso per costruire il Parc de la Villette a Parigi, chiese al filosofo Jacques Derrida di collaborare con lui e con Peter Eisenman. Preso alla sprovvista, Derrida pensò che il suo propagandato «oltrepassamento della metafisica» attraverso la decostruzione della «traccia» potesse sperimentarsi anche in architettura. Dalla collaborazione con Eisenman nacque un abbozzo non realizzato, ma Derrida scrisse la presentazione dell'intervento al parco parigino realizzato da Tschumi intitolandola Point de folie - maintenant l'architecture, poi pubblicata in Psyché nel 1987 (parzialmente tradotta in italiano nell'antologia Estetica dell'Architettura edita da Guerini nel 1996). I «punti di follia» di cui parla Derrida sono rappresentati materialmente dalle folies, ovvero 42 casotti quadrati di colore rosso disseminati nel parco secondo una griglia rigida, uguali di misura ma ogni volta decostruiti, con funzioni d'uso diverse e arricchiti con differenti elementi pop: ora un gigantesco orologio, ora un sottomarino che fa da hall di ingresso, ora la ruota di un mulino (...).

L'intervento di Derrida suscitò un dibattito che trovò nuovo esito quando, nel 1988 al Moma di New York, Philip Johnson e Mark Wigley realizzarono una mostra di nuovi progetti intitolandola «Deconstructiviste Architecture». A quel punto il cortocircuito era avvenuto, e le «archistar» misero mano alla matita.

Quell'intervento di Derrida, insieme ai dibattiti che ne seguirono, e ad altre riflessioni del filosofo sull'architettura, trovano ora definitiva pubblicazione italiana in un libro a cura di Francesco Vitale (Adesso l'architettura, Scheiwiller, pp. 372, e 24).

Questi saggi si configurano come un rapsodico commentario teorico all'architettura decostruttivista, non come una teoria. Il filosofo francese, non immune dallo scivolare in contorti esercizi di stile, lancia più che altro spunti di riflessione, argomenti senza però, come suo proprio stile, arrivare a definire un nuovo metodo e, ancor meno, statuti costitutivi di una disciplina. Come evidenzia nel saggio poi raccolto in Psyché, ciò che sarebbe da decostruire per Derrida è l'idea stessa che «l'architettura debba avere un senso, debba presentarlo e significare qualcosa». L'esperienza della decostruzione deve intervenire sul senso dell'abitare, sulla gerarchia dell'organizzazione architettonica, sull'idea che l'architettura debba essere al servizio di qualcos'altro e in vista di un fine. E anche sull'idea che l'architettura rientri nel campo delle belle arti, aspetto quest'ultimo che però, secondo l'antropologo Franco La Cecla, il decostruttivismo «ha invece favorito». «Il concetto di architettura è esso stesso un constructum mentale - scrive Derrida -. Un'assiomatica attraversa, impassibile, imperturbabile, la storia dell'architettura. Un'assiomatica, cioè un insieme organizzato di valutazioni fondamentali sempre presupposte. Questa gerarchia si è fissata nella pietra, informa ormai tutto lo spazio sociale». Per Derrida questa assiomatica, che coincide con l'intera storia del vitruvianesimo, ovvero quella che il critico inglese John Summerson ha definito Il linguaggio classico dell'architettura (1966) è da decostruire.

A distanza di una ventina d'anni da queste proposte teoriche, l'uscita in italiano di questi testi è l'occasione per una prima verifica della stagione alla quale hanno fornito supporto teorico, prima che tutti gli studenti di architettura si mettano a laurearsi solo su edifici storti. Questa stagione è fatta di «oggetti» riusciti (Guggenheim di Bilbao di Gehry), parzialmente riusciti (Museo ebraico di Berlino di Libeskind), falliti (uffici al Mit di Gehry), in arrivo (grattacieli storti di Libeskind, Isozaki e Hadid a Milano), edifici riusciti e altri mostruosi nella provincia italiana. Decostruire il vitruvianesimo ha voluto dire superare la storia della trattatistica, dimenticare abdicare di fronte a metodi, tipologie, logiche urbanistiche per aprirsi a alla «chance», all'heideggeriano «far spazio». Una direzione scelta ancora da Aaron Betsky nell'ultima Biennale di architettura, nella quale si vuole «andare oltre l'edificio perché gli edifici ormai sono tombe», afferma Betsky, che vede in Derrida una carica di utile utopismo. Si tratta di una dimensione nella quale il relativismo nichilista si presenta come alternativa alla costruzione razionale. Il gioco, prende il posto della meccanica razionale e la dimensione nietzschiana della Gaia scienza e del dionisiaco il posto dell'illuministico «rigorismo » architettonico. Tanto che un teorico che punta tutto sulla geometria, come Nikos Salingaros, boccia senza mezzi termini Derrida come «cattivo maestro»: «Le sue sono parole vuote. Derrida ha decostruito prima la letteratura e la lingua, tagliando i legami tra significati che formano la base della comunicazione. Poi, ha voluto applicare lo stesso metodo distruttivo all'architettura. Solo che non era nemmeno capace di farlo, perché non sapeva niente di geometria. Il suo discorso con Eisenmann per il Parc de la Villette è assurdo. Senza volerlo, Eisenman ha mostrato che le idee di Derrida sono un metodo per distruggere, non per costruire».

  • AARON BETSKY - Suggestioni utili. Penso che i processi di analisi e le allusioni contenuti nei libri di Derrida siano stati utili per l'architettura, nel senso che danno il senso della realtà. Al di là delle allusive e retoriche espressioni di cui sono fatti, i testi ci attraggono perché fanno capire che possiamo costruire ambienti diversi - sia palazzi che «discorsi» - come è attraente la sua tecnica di «invaginazione» della realtà. Ma non posso dire di aver mai visto il lavoro di Derrida veramente «applicato» all'architettura con soddisfazione
  • NIKOS SALINGAROS - Parole senza senso. Derrida ha decostruito la filosofia, poi ha voluto applicare lo stesso metodo distruttivo alla architettura. Non era capace di farlo, ma ha trovato seguaci contenti di adottare una filosofia esoterica. La conversazione tra Eisenman e Derrida è assurda: l'architetto gli chiede di disegnare un'idea e lui rifiuta, perché le sue sono parole vuote. Eisenman ha mostrato involontariamente che le idee di Derrida sanno solo distruggere, non costruire.

 

di Pierluigi Panza
dal Corriere della sera del 15.11.08

 

invia la tua opinione!

vedi anche:

Eur, più travertino sul progetto di Piano

Renzo Piano e le ex torri dell'Eur - agg. rass-stampa

Strategia per la rinascita

Appalti & riforma professione - agg. rass-stampa

In Italia, la retorica affossa l'architettura

Renzo Piano e le torri dell'Eur - agg. rassegna stampa

Appalti - Lettera aperta a Raffaele Sirica

e, per conoscenza, agli architetti italiani

Un blitz alla Nuvola di Fuksas

"Il cantiere va avanti" - agg. rass-stampa

La tradizione contro il moderno (?)

Roma - breve rassegna stampa

L'architettura muore se è soltanto virtuale

XI Biennale di Architettura - agg. rassegna stampa

Ma il «crucifige» non aiuta a capire...

Il libro di La Cecla - breve rassegna stampa


data pubblicazione: mercoledì 19 novembre 2008
architettiroma è su twitter architettiroma è su facebook le istruzioni per iscriversi al feed RSS Iscriviti alla newsletter di architettiroma.it
Architettura sul web Filosofia & Architettura