Cantieri e coordinatore per la progettazione

Una precisazione di Enrico Milone

SICUREZZA CANTIERI: IL COORDINATORE PER LA PROGETTAZIONE VA NOMINATO
Una precisazione

Sull'articolo pubblicato in questo sito dell'Ordine il 27.7.2009, relativo a modifiche al  DLgs 81/2008, art.90 comma 11 sul coordinatore per la progettazione, (tema che ho nuovamente trattato nell'articolo del 17.9.2009 su “Sicurezza nei cantieri, le modifiche al TU”) ho scritto che

“viene confermato un regime particolare per i lavori privati. Anche se la presenza della parola “comunque” non facilita la lettura della norma, ritengo che il committente debba nominare il coordinatore per la progettazione (simultaneamente alla nomina del progettista) solo se si verificano tutte le seguenti tre condizioni:

  • nel cantiere sono coinvolte più di una impresa, anche se non contemporaneamente;
  • i lavori sono soggetti a permesso di costruire, vale a dire non sono lavori liberi o soggetti a D.I.A.;
  • l'importo dei lavori supera 100.000 euro.”

Da alcune fonti invece viene proposta una diversa interpretazione, sostenuta con valide motivazioni: il coordinatore per la progettazione deva essere nominato sempre (per i cantieri con più di una impresa), eccetto il solo caso di lavori soggetti a DIA (o lavori liberi) di importo inferiore a 100.000 euro. Tale interpretazione tiene conto delle considerazioni fatte in sede europea nella procedura di infrazione contro l'Italia che ha determinato la modifica del comma 11 dell'art.90 nella legge Comunitaria 88/2009. Infatti in sede UE è stato rilevato il fatto che con una DIA è possibile mettere in atto anche cantieri di grandi dimensioni e demolizioni e ricostruzione di interi edifici. Cantieri per i quali la presenza del coordinatore per la progettazione è assolutamente necessaria.

Questa interpretazione appare essere la più sostenibile, fermo restando che la norma non è scritta in maniera inequivocabile.

Questo è il testo dell'art.90 comma 11:

“La disposizione di cui al comma 3 dell'art.90 non si applica ai lavori privati non soggetti a permesso di costruire in base alla normativa vigente e comunque di importo inferiore ad euro 100.000. In tal caso, le funzioni del coordinatore per la progettazione sono svolte dal coordinatore per la esecuzione dei lavori”.

 

di Enrico Milone, architetto
del 28.09.09

 

invia la tua opinione!

 



Commenti

06/10/2009 17:21: dell'art.90 comma 11
secondo me la legge dice che il coordinatore deve essere sempre nominato se ci sono 2 o più imprese, se i lavori sono al di sotto dei 100.000 (quindi probabilmente eseguibili da una sola impresa) può essere nominato in seguito quando entrano in gioco altre imprese o lavoratori autonomi. questa è la tesi dei prof del corso di aggiornamento che sto seguendo. grazie
arch barbara pascucci

vedi anche:

Sicurezza nei cantieri, le modifiche al TU

Testo Unico sicurezza sul lavoro - di E.Milone

Sicurezza sul lavoro, corretto il TU

Testo Unico sicurezza - notizia in breve

Nuove norme sul coordinatore per la progettazione

Comunitaria 2008 & TU sicurezza - di E.Milone

La sicurezza negli studi professionali

TU sicurezza - breve notizia di Enrico Milone

Il coordinatore è garante per la sicurezza

di Enrico Milone - Cantiere & sicurezza

RSPP - Errore nel TU sicurezza (?)

esonerati dai corsi solo alcuni triennali

Sicurezza, riforma al traguardo

Testo unico Sicurezza - agg. rassegna stampa

Approvato il Dlgs Sicurezza

TU sicurezza - notizia in breve


data pubblicazione: martedì 29 settembre 2009
architettiroma è su twitter architettiroma è su facebook le istruzioni per iscriversi al feed RSS Iscriviti alla newsletter di architettiroma.it
Architettura sul web Cantieri e coordinatore per la progettazione