Antincendio: aggiornamento obbligatorio

di Enrico Milone - DM 05.08.2011

AGGIORNAMENTO OBBLIGATORIO PER GLI ESPERTI IN PREVENZIONE INCENDI

L'obbligo di aggiornamento è la novità principale introdotta dal Decreto del Ministero dell'Interno 5.8.2011 (GU 26.8.2011) in merito all'iscrizione dei professionisti negli elenchi di esperti antincendio.

Il nuovo decreto sostituisce il DM 25.3.1985. La procedura è per molti aspetti simile a quella del decreto abrogato. Stabilisce che gli appartenenti agli Ordini di architetti ppc, ingegneri, agronomi, chimici, geometri, periti industriali possono accedere all'Elenco tenuto dal Ministero, in base alla frequenza ad un corso di specializzazione in prevenzione incendi di circa 110 ore. I corsi sono organizzati dagli Ordini o, d'intesa con gli Ordini, dall'Università. I programmi dei corsi sono approvati dal Ministero dell'interno.

L'art.2 stabilisce che i professionisti iscritti negli elenchi del Ministero dell'interno, nell'ambito delle rispettive competenze professionali, sono autorizzati al rilascio delle certificazioni e delle dichiarazioni di cui all'art.16 c.4 DLgs 139/2006 e alla redazione dei progetti elaborati con l'approccio ingegneristico alla sicurezza antincendio di cui al DM interno 9.5.2007.

La frequenza al corso di specializzazione non era richiesta per gli iscritti all'Ordine da oltre 10 anni, in base all'art.4 del DM 25.3.1985, abrogato. L'eccezione non viene confermata nel decreto del 5.8.2011. Ma è presumibile che chi è stato iscritto all'Elenco per l'anzianità di dieci anni resta iscritto, salvo l'obbligo di aggiornamento.

Il nuovo decreto stabilisce che, per restare nell'Elenco, i professionisti hanno l'obbligo di seguire, con profitto, un corso di aggiornamento di 40 ore nell'arco di cinque anni dalla data di iscrizione nell'Elenco. Per coloro che sono già nell'Elenco i 5 anni decorrono dal 27.8.2011. In caso di mancato aggiornamento, il professionista e' sospeso dall'Elenco sino ad avvenuto adempimento.

Dal testo dell'art.7 sembra che l'aggiornamento vada fatto una sola volta e non ogni 5 anni come nel caso dei coordinatori per la sicurezza dei cantieri.

Non è richiesta la frequenza al corso di specializzazione per i professionisti che hanno operato per un anno presso il Corpo nazionale dei vigili del fuoco e per quei professionisti che durante il corso di laurea hanno frequentato un corso in materie di prevenzione incendi approvato dal Ministero. Per questi ultimi è richiesto però di superare il colloquio finale del corso di specializzazione.

 

di Enrico Milone, architetto
del 03.09.11

 

invia la tua opinione!

 




 

Commenti

21/09/2011 10.59: Corsi di aggiornamento
Perdonatemi la polemica, ma qui si fanno corsi di aggiornamento in continuazione, spese su spese quando lavorare è sempre più difficile! Bisogna calibrare le due cose.
Arch. Pasquale dell'Aquila

20/10/2011 15.42: titolo
Il corso di prevenzione incendi fatto nel 1985 esonera dall'obbligo del nuovo Corso o no?
Massimo Papini

20/10/2011 22.22: aggiornamento
i professionisti si aggiornano sempre continuamente per poter rimanere vivi in un mercato sempre più selvaggio. Rendere obbligatori i corsi di aggiornamento li rende solo più costosi e meno validi.
Fabrizio Conte

vedi anche:

Manovra estiva & un anno di cambiamenti

di Enrico Milone - Estate 2010 / Estate 2011

Legge Sviluppo: le modifiche al DL

di Enrico Milone - SCIA, PDC, APPALTI & PIANO-CITTÀ

Antincendio: Scia e attività commerciali

di Enrico Milone - L. 122/2010 - DM 27.07.2010

La fine del NOP antincendi

breve notizia di Enrico Milone


data pubblicazione: domenica 4 settembre 2011
architettiroma è su twitter architettiroma è su facebook le istruzioni per iscriversi al feed RSS Iscriviti alla newsletter di architettiroma.it
Architettura sul web Antincendio: aggiornamento obbligatorio