Eco bonus, stadi, scuole e infrastrutture

di Enrico Milone - LEGGE di STABILITÁ 2014

LEGGE DI STABILITA' 2014 - eco bonus, stadi, scuole e infrastrutture

Come per gli anni passati, l'anno 2013 si chiude con l'approvazione della legge di stabilità 2014, n.147 del 27.12.2013 (GU 27.12.2013). Come per le leggi finanziarie degli anni passati, la tecnica legislativa risente negativamente dei difficili rapporti tra Governo e Parlamento e della conseguente imposizione del voto di fiducia su un maxi-emendamento del Governo. Il risultato finale è un testo di legge abnorme, costituito da un solo articolo composto da 749 commi ! Con l'aggravante che i 749 commi pur avendo ciascuno oggetto diverso, sono privi di titolo. Perciò per capire la materia di cui si tratta è necessario leggere il comma per intero, e ciò non basta qualora il comma sia composto esclusivamente di citazioni di altre leggi. Ho già detto negli anni passati come la difficoltà di lettura delle norme costituisca un grave handicap per coloro che applicano le leggi, come gli architetti e gli ingegneri sia funzionari pubblici che liberi professionisti, e li espone a gravi responsabilità e conseguenti sanzioni nel caso di applicazioni sbagliate.
Prescindendo dai grandi temi economici che la legge affronta, indico di seguito alcune norme specifiche che maggiormente interessano le costruzioni e la professione di architetto.

Patrimonio immobiliare pubblico. Ai sensi del comma 52, la Cassa depositi e prestiti potrà prestare garanzia sui finanziamenti relativi agli interventi di efficientamento energetico delle infrastrutture pubbliche, compresi quelli relativi all'illuminazione pubblica, realizzati attraverso il partenariato pubblico privato o tramite società private. Sulla stessa linea, gli incentivi per le energie rinnovabili andranno rivisti entro il 30.6.2014 secondo criteri di diversificazione e innovazione tecnologica e di coerenza con gli obiettivi di riqualificazione energetica degli edifici della pubblica amministrazione.

Pagamenti all'appaltatore. Il comma 72 sostituisce l'articolo 176.9 del Codice appalti per stabilire che il soggetto aggiudicatore dovrà verificare il regolare adempimento degli obblighi contrattuali del general contractor verso i propri affidatari-subappaltatori, prima di procedere a qualsiasi forma di pagamento e all'emissione di stati di avanzamento lavori. In caso di inadempimento, l'aggiudicatore potrà procedere al pagamento diretto dell'affidatario, applicando una detrazione sui pagamenti successivi del general contractor, con relative sanzioni.

Centrale di committenza unica esclusa per i lavori in economia. Comma 343. Viene modificata l'art.33 del Codice appalti che impone ai Comuni sotto i 5mila abitanti di fare ricorso alla centrale di committenza unica, stabilendo che la norma non si applica per gli affidamenti di lavori, servizi e forniture effettuati in economia tramite amministrazione diretta e per i cottimi fiduciari. Il che significa che il Comune può continuare a gestire direttamente le procedure per tali appalti. La modifica va in direzione opposta a quella della buona amministrazione. Infatti la centrale unica può meglio assicurare una gestione corretta e rispondente alle norme, grazie alla presenza di personale esperto. Mentre i piccoli Comuni in genere non hanno personale pienamente competente, d'altronde la conoscenza delle norme e delle procedure è necessaria anche per importi di gara in economia e sotto 50.000 euro.

Ecobonus per ristrutturazioni. Il comma 139 proroga fino alla fine del 2014 la maxi-detrazione Irpef del 50% sui lavori di ristrutturazione edilizia (limite di spesa di 96.000 euro) e di quella Irpef e Ires del 65% per gli interventi sul risparmio energetico. Nel 2015, i due incentivi verranno ridotti rispettivamente al 40% e al 50%. Infine, dal 2016 rimarrà solo il primo bonus, cioè quello sugli interventi del recupero del patrimonio edilizio, che ritornerà alla misura del 36%, con un limite di spesa di 48mila euro per unità immobiliare. Mobili: confermato per tutto il 2014 lo sconto del 50% sull'acquisto di arredi e grandi elettrodomestici ad alta efficienza (tetto di 10mila euro) all'interno di operazioni di recupero agevolato delle abitazioni. Il loro valore non potrà superare quello dell'intervento di ristrutturazione. Tale ultima condizione è stata temporaneamente annullata dal decreto-legge 151/2013 di fine dicembre 2013, attualmente all'esame del Parlamento per la conversione in Legge.

Tra i numerosissimi altri provvedimenti, segnalo:

  • Fondo di garanzia acquisto prima casa (comma 48). Il fondo viene rifinanziato con 200 milioni di euro all'anno dal 2014 al 2016, per la concessione di garanzie su mutui ipotecari, nella misura massima del 50% della quota capitale per finanziamenti connessi all'acquisto, alle ristrutturazioni, all'accrescimento dell'efficienza energetica.
  • Ponte sullo Stretto. Commi 81-82. Viene autorizzata la spesa per uno studio di fattibilità da 200.000 euro, per potenziare i collegamenti marittimi, ferroviari e stradali dopo la sospensione del Ponte sullo Stretto di Messina.
  • Fondo unico Expo (comma 102). Tutti i finanziamenti relativi alle opere del "Tavolo Lombardia" confluiscono in un apposito fondo, iscritto nello stato di previsione del ministero delle Infrastrutture, denominato "Fondo unico Expo".
  • Deducibile il leasing immobiliare. I commi 162 e 163 reintroducono la possibilità, per il professionista, di dedurre i canoni di leasing relativi a immobili strumentali
  • Uffici giudiziari. Con il comma 181 sono assegnati 30 milioni di euro per progetti immediatamente cantierabili di nuove sedi per uffici giudiziari.
  • Sicurezza e risparmio energetico per le scuole (comma 206). A tale scopo possono essere destinate somme dell'8 per mille di cui alla dichiarazione dei redditi dei contribuenti.
  • Stadi e impianti sportivi. Il comma 304 prevede il finanziamento di 45 milioni in tre anni per il fondo di garanzia presso l'Istituto di credito sportivo. Viene prevista una disciplina semplificata. Il proponente porta al Comune uno studio di fattibilità corredato di piano economico e finanziario. L'amministrazione convoca una conferenza di servizi e, nel giro di 90 giorni, dichiara il pubblico interesse della proposta. A quel punto si procede alla redazione del progetto definitivo. Lo studio di fattibilità, però, non può prevedere "altri tipi di intervento, salvo quelli strettamente funzionali alla fruibilità dell'impianto", inclusi esercizi commerciali, ma con l'esclusione di nuovi complessi di edilizia residenziale.
  • Nuvola (comma 332). La società Eur potrà presentare al ministero dell'Economia, entro febbraio 2014, la richiesta di un anticipo di liquidità da 100 milioni di euro.
  • Detrazioni Irap (comma 407). Cancellato il fondo istituito dalla legge di stabilità 2013 (legge 228/2012, art. 1 c.515) per l'esenzione graduale dall'Irap di piccole imprese e professionisti senza dipendenti e con uso limitato di beni strumentali.

 

di Enrico Milone, architetto
del 18.01.14

 

invia la tua opinione...





 

Commenti

20/01/2014 22.51: commento su alcuni punti
Centrale di committenza unica esclusa per i lavori in economia: vogliamo forse togliere ai sindaci il diritto di affidare "i lavoretti" ai loro amichetti?
uffici giudiziari: bene incrementare la dotazione immobiliare però bisogna che i giudici si presentino alle udienze altrimenti il problema dei tempi lunghi rimane.
stadi e impianti sportivi: uno dei tanti paradossi vergognosi dell'Italia che è piena di stadi...non a norma e molti che rasentano il fatiscente...assolutamente contrario alle nuove costruzioni le società di calcio devono ristrutturare oppure demolire-ricostruire nient'altro come è successo a Torino. qui a Roma se ne vedranno delle belle...
Nuvola: ma perché hanno ancora bisogno di soldi?cadiamo tutti dalle nuvole...grazie ai sindaci di Roma...
Detrazioni Irap: tassazione vergognosa.

palombi21140

vedi anche:

Parametri per i compensi nei lavori pubblici

di Enrico Milone - DM 143/2013

É Legge il DL bonus edilizi

notizia in breve - DL 63/2013 + GU: L. 90/2013

In GU la proroga ai bonus edilizi

notizia in breve - DL 63/2013


data pubblicazione: lunedì 20 gennaio 2014
architettiroma è su twitter architettiroma è su facebook le istruzioni per iscriversi al feed RSS Iscriviti alla newsletter di architettiroma.it
Architettura sul web Eco bonus, stadi, scuole e infrastrutture