Fonti energetiche rinnovabili per le isole minori italiane, nel rispetto del contesto ambientale

concorso internazionale di idee

Siglato un Protocollo d’intesa triennale fra il Ministero per i Beni e le Attività Culturali, il Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, il Gestore dei Servizi Energetici, l’associazione ambientalista MAREVIVO, CITERA (Centro di Ricerca Interdisciplinare Territorio Edilizia Restauro Ambiente dell’Università La Sapienza di Roma) e l’ENEA (Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l’energia e lo sviluppo economico sostenibile), per la promozione di un concorso internazionale di idee, con cadenza annuale, di progettazione di impianti, alimentati da fonti rinnovabili, integrati nel contesto architettonici e paesaggistico delle isole minori italiane.

Il concorso internazionale è aperto a diverse categorie di partecipanti (studenti, professionisti e imprese), con l‘obiettivo di stimolare la produzione di soluzioni progettuali per la creazione di dispositivi o di impianti di varia grandezza e potenzialità, che sfruttino al meglio le risorse energetiche naturali.

Quest’anno il concorso, dal titolo “L’energia solare per le isole minori italiane”, è focalizzato sull’impiego dell’energia solare per la produzione di energia elettrica e/o termica.

Criteri di valutazione:

1. Integrazione:

a) deve essere contestualizzato nel paesaggio delle isole minori italiane in cui verrà utilizzato, prevedendo soluzioni idonee a garantire l’ottimale inserimento nel contesto paesaggistico ed architettonico locale;

b) deve prevedere soluzioni idonee a migliorare l’impatto ambientale del contesto in cui viene applicato e contribuire a ridurre il ricorso a fonti fossili di energia.

2. Funzionalità: deve essere funzionale in relazione al tipo di applicazione proposta, con particolare riferimento all’articolo 7, commi 1 e 2, lettere b).5

3. Innovazione: deve essere data dall’originalità di applicazione, di tecnica di montaggio o di assemblaggio, dal tipo di produzione e dal tipo di materiali utilizzati, privilegiando l’adozione di materiali eco-compatibili, naturali o riciclabili.

4. Performance energetica: deve risultare energeticamente efficiente, considerando sia la componente attiva, sia l’eventuale effetto della componente passiva.

5. Flessibilità e standardizzazione: deve essere modulare e facilmente standardizzabile, capace di essere usato nei vari scenari riferibili al contesto di riferimento del bando.

6. Fattibilità ed installazione: deve essere facilmente realizzabile, di semplice montaggio e manutenzione, rimozione e smaltimento.

7. Commerciabilità: deve essere economicamente competitivo, proponibile sul mercato a basso costo di produzione.

8. Vantaggi economici: devono essere illustrati i vantaggi economici derivanti dall’utilizzo dell’applicazione proposta rispetto a quelle esistenti, sotto il profilo impiantistico, dell’installazione, della produzione di energia ecc.

È possibile partecipare inviando le proprie proposte progettuali dal 13 aprile fino al 6 settembre 2010, come indicato nel bando e nel relativo allegato.

Nel mese di ottobre nella città di Capri verranno premiati i progetti vincitori, con premi anche in denaro, differenziati per categoria di partecipanti.

Per i primi classificati tra gli studenti, inoltre, il GSE offre l’opportunità di effettuare uno stage della durata di 6 mesi, presso le sedi di Roma, nell’ambito delle proprie attività istituzionali. di promozione e sviluppo delle fonti rinnovabili e dell’erogazione dei servizi specialistici in campo energetico.

L’ENEA offrirà, previa ulteriore valutazione fatta a suo insindacabile giudizio, la possibilità di ingegnerizzare o prototipizzare, presso i suoi laboratori di ricerca, l'idea vincente della categoria Studenti.


Il Ministero dei Beni Culturali pubblicherà i progetti vincitori sul proprio sito web, quali esempi di buone pratiche.

 

Comunicato

Bando

Allegato A

 

Home Bandi Fonti energetiche rinnovabili per le isole minori italiane, nel rispetto del contesto ambientale
torna alla home page
www.architettiroma.it