partecipazione e condivisione nella nuova progettualita' urbana

Crediti formativi (CFP): richiesti 4


MODALITA DI EROGAZIONE: in aula e, nel caso, a distanza per iscrizioni superiori a 300 persone

DATA INIZIO CORSO: Lunedì 1 dicembre 2014

DATA FINE CORSO: Lunedì 1 dicembre 2014

DURATA IN ORE: 5 ore e 30 minuti

AREA FORMATIVA: strumenti-conoscenza-comunicazione

urbanistica-ambiente e pianificazione

COSTO: gratuito

OBBLIGO DI FREQUENZA: SI, firma in entrata ed in uscita (PRESENZA 100%)

SEDE CORSO: Casa dell'Architettura, Piazza Manfredo Fanti, 47 Roma

ORARI: 14:30 - 20:00

RESPONSABILE CORSO E RECAPITI: Arch. Fabio Briguglio e Arch. Annunziata Paolino

RECAPITI SEGRETERIA PER ISCRIZIONI: Sito Ordine Architetti Roma Consulta Giovani


#LOCANDINA   #INVITO

È obbligatoria la registrazione online
REGISTRAZIONE per gli iscritti Ordine Architetti Roma
REGISTRAZIONE per i non iscritti OARM
 

SCARICA PROGRAMMA DETTAGLIATO

PROGRAMMA CORSO:

La partecipazione, intesa come momento di elaborazione per l'ideazione e la realizzazione di un progetto comune, costituisce un orientamento irrinunciabile nell'approccio progettuale, soprattutto nei progetti di rigenerazione del tessuto urbano da intendere come organismo articolato in cui coesistono la dimensione fisica del costruito e quella relazionale degli abitanti e fruitori.

Ciò anche alla luce dell'auspicabile attuazione di una normativa vigente ma quasi del tutto disattesa, quella della Deliberazione n. 57 del 2006 relativa al Regolamento del Comune di Roma per l'attivazione del processo di partecipazione dei cittadini alle scelte di trasformazione urbana.

A livello comunitario, la Commissione Europea considera la "partecipazione" fra i principi di base di una buona governance. Secondo la Comunicazione della Commissione European governance - A white paper, infatti, la qualità, la pertinenza e l'efficacia delle politiche dell'Unione Europea dipendono dall'ampia partecipazione che si saprà assicurare lungo tutto il loro percorso, dalla prima elaborazione all'esecuzione.

Grazie a questa impostazione, il coinvolgimento della società civile "organizzata" rende migliori le politiche e maggiormente percepibile ai cittadini europei l'efficacia delle risposte che le Istituzioni comunitarie e nazionali danno alle loro esigenze.

Prendendo le mosse da un breve excursus storico, Il convegno si propone di approfondire i diversi aspetti teorici, pratici e amministrativi attraverso la rassegna di esperienze concrete e specifici contributi di esperti delle pratiche partecipative.

OBBIETTIVI FORMATIVI

Il convegno vuole essere un momento di confronto sugli strumenti, sulle politiche e sulle esperienze relative alla partecipazione che costituisce oggi un'irrinunciabile metodologia di approccio alla progettazione degli spazi pubblici e di quelli condivisi, soprattutto nei processi di rigenerazione urbana.

In una concezione di sviluppo sostenibile del territorio i progetti devono dismettere l'autoreferenzialità dei progettisti e adottare modalità più sensibili di conoscenza delle singole realtà territoriali per raggiungere l'obiettivo di una reale integrazione con esse.

Il programma proposto vuole sensibilizzare le nuove generazioni di progettisti al coinvolgimento attivo dei cittadini per favorire il rafforzamento e l'accrescimento di competenze collettive finalizzate alla produzione di decisioni più appropriate, più efficienti, più eque, più sagge, più stabili e di più semplice attuazione.


 

ore 14:30

Registrazione dei partecipanti

 

ore 14:30

 

Radio-Walkshow - Conversazione Nomade

Passeggiata con performing media: conversazione nomade.

 

Condotta da:

 

  • Carlo Infante

Urban Experience

 

ore 15:00 

Saluti e apertura lavori

  • Livio Sacchi

Presidente Ordine Architetti P.P.C. di Roma e Provincia

 

  • Alessandro Ridolfi

Vicepresidente Ordine Architetti P.P.C. di Roma e Provincia, Consigliere delegato della Consulta Giovani Architetti di Roma  

 

ore 15:15

 

Relazione Introduttiva

 

  • Fabio Briguglio

Presidente di Architecture Open Circuit Onlus

 

  • Annunziata Paolino

Delegata di Architecture Open Circuit Onlus, Comitato di Coordinamento Consulta Giovani Architetti di Roma

 

ore 15:40 

 

I^ Sessione - Riferimenti Normativi a Roma: Delib. CC n. 57/2006 Regolamento per l'attivazione del processo di partecipazione dei cittadini alle scelte di trasformazione urbana

 

Una rilettura critica della piattaforma normativa di Roma Capitale per l'attivazione dei processi partecipativi dei cittadini, attraverso le testimonianze di politici ed amministratori coinvolti nell'iter di approvazione della Delibera 57/2006 e nelle successive fasi di applicazione.

 

Ciò anche in funzione del valore strategico che il coinvolgimento diretto dei cittadini - per la formazione delle decisioni in materia di trasformazioni urbane - avrà per il futuro assetto socio-culturale ed urbanistico romano.

 

Una rilettura critica nel più ampio contesto di una visione prospettica sul futuro della Capitale, per offrire spunti di riflessione e orientare tecnici e cittadini, impegnati a vario titolo nell'attivazione di processi partecipati di recupero riqualificazione urbana.

 

Relatori:

 

  • Roberto Morassut

Onorevole Componente Commissione Permanente VIII Ambiente

 

  • Luigi Nieri

Vicesindaco di Roma Capitale

 

  • Giovanni Caudo

Assessore alla Trasformazione Urbana di Roma Capitale

 

  • Umberto Croppi

Consigliere Federculture

 

ore 16:40

II^ Sessione - I cittadini: protagonisti del cambiamento

 

La neo-nata "Casa della Città" costituisce un nuovo passo dell'Amministrazione Capitolina verso un più fitto e proficuo confronto con i cittadini, pensato come luogo della trasparenza per la massima circolazione delle informazioni. Una "casa di vetro" dove si favorisce il dialogo, il confronto e la comunicazione, attraverso il coinvolgimento di associazioni, comitati, imprenditori, enti ed istituzioni su programmi e progetti che nascono dalle effettive esigenze della città.

 

Il punto di vista della cittadinanza attiva attraverso il racconto di esperienze e progetti partecipati autogestiti o avviati insieme alle istituzioni. La partecipazione come "conflitto" creativo: un confronto democratico tra gli attori coinvolti - cittadini ed istituzioni - nel processo progettuale, che implica la necessità e il dovere di immedesimarsi, di cercare di capire il punto di vista dell'altro.

 

Relatori:

 

  • Mirella Di Giovine

Direttore Dipartimento Patrimonio Sviluppo e Valorizzazione di Roma Capitale

 

  • Anna Maria Bianchi

Portavoce di Carteinregola

 

ore 17:20

 

III^ Sessione - Partecipazione e Spazio Pubblico: modelli

L'identità dello spazio pubblico sondata attraverso esperienze concrete e riflessioni accomunate dal riconoscimento dei cittadini non solo come destinatari, ma come veri e propri committenti, parte attiva e componente essenziale per la definizione di nuove forme del paesaggio urbano fondate sulla socialità, sulla consapevolezza e sul senso di appartenenza.

 

Un approccio multidisciplinare che vede nell'interazione sinergica delle specifiche competenze dell'architetto, dell'urbanista, del critico d'arte e dell'artista un efficace e sensibile strumento metodologico per la costruzione di luoghi votati alla bellezza e alla coesione sociale. Una metodologia fondata sull'esplorazione trasversale dei luoghi del quotidiano, in sintonia con le energie e le esigenze di chi li abita.

 

Relatori:

  • Mario Spada

Coordinatore della Biennale dello Spazio Pubblico

 

  • Paolo Colarossi

Condirettore CeDRAP

 

  • Patrizia Ferri

Condirettore CeDRAP

 

ore18:20

IV^ Sessione - I linguaggi della partecipazione

La rete come strumento informatico potenziante per il conseguimento della partecipazione.

Introduzione al concetto di progettazione interattiva, assistita dalla rete, dove lo strumento informatico può potenziare la partecipazione dei cittadini. La trasformazione dell'ambiente locale mediante un approccio duale: in termini di conoscenza della cultura locale, di identità dei luoghi, dei piani e dei progetti in corso; in termini di interazione tra il cittadino e altri soggetti come il governo locale.

 

La nascita di una nuova figura di architetto, l'"architetto della comunità" che, mediante la progettazione interattiva, è costretto a rivedere criticamente il suo ruolo nella società.

 

Relatori:

 

  • Elena Mortola

Docente presso la Facoltà di Architettura, Università degli Studi di Roma Tre

 

  • Carlo Infante

Giornalista ed esperto di Performing Media

 

ore 19:00

V^ Sessione - Esperienze di partecipazione

 

Esempi virtuosi di progettazione che hanno raggiunto gli obiettivi della partecipazione e condivisione secondo il principio del bottom-up, partendo dunque dalle esigenze dei cittadini che divengono, prima che fruitori, autori dei progetti.

Le immagini dei progetti realizzati e dei processi partecipati, condotti da alcuni studi emergenti e collettivi di architettura, documentano il coinvolgimento collettivo e la partecipazione del pubblico all'interno dell'intero processo creativo, con particolare attenzione allo spazio di interesse pubblico, alle aree di margine, ai vuoti urbani, alle zone interstiziali di città.

 

Relatori:

 

  • Gianfranco Bombaci

2A+P/A

 

  • Romolo Ottaviani

Stalker | On | Spacexperience | SMC

 

  • Margherita Manfra - Roberto Pantaleoni

Orizzontale

 

ore 19:45

 

Dibattito

 

ore 20:00

 

Chiusura Lavori

 

Luogo

 

Casa dell'Architettura

 

Piazza Manfredo Fanti, 47

 

00185 Roma

 

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 



data pubblicazione: venerdì 7 novembre 2014
architettiroma è su twitter architettiroma è su facebook le istruzioni per iscriversi al feed RSS Iscriviti alla newsletter di architettiroma.it
Formazione partecipazione e condivisione nella nuova progettualita' urbana