Firma del Protocollo di Intesa con the Society of Egyptian Architects

17,18,19, 20 Ottobre 2010 L'Ordine degli Architetti di Roma partecipa ad una missione congiunta ANCE-BIIS  in Egitto per stringere accordi istituzionali e verificare eventuali opportunità per i propri iscritti.


Firmato un Protocollo di Intesa con the Society of Egyptian Architects: "Cooperation for the development of cultural and technological exchanges and joint professional activities"

 

REPORT MISSIONE IN EGITTO

In data 18-19-20 ottobre uu.ss. l'Ordine degli Architetti di Roma, insieme all'OICE, ha partecipato alla missione congiunta Ance-BIIS che si è svolta al Cairo, in Egitto, incontrando l'Ordine nazionale egiziano, i rappresentanti dei Ministeri locali ed i vertici di Alexbank.

La missione è stata organizzata a seguito di incontri bilaterali tra istituzioni egiziane ed italiane durante i quali BIIS del gruppo Intesa San Paolo ha vagliato, insieme all'Ance ed alle sue imprese di costruzioni, una lista di progetti infrastrutturali in Egitto presentata dai Ministeri egiziani competenti. Tale missione ha avuto lo scopo di approfondire l'opportunità per i progettisti e per le imprese di costruzione di partecipare al grande programma di rinnovamento delle infrastrutture egiziane previsto negli anni a venire. L'OAR ha voluto contemporaneamente incontrare l'Ordine Nazionale Egiziano, la Society of Egyptian Architects (SEA) ed il suo presidente, l'architetto Seif Alnaga. 

 

 

INCONTRO OAR E SEA

Durante l'incontro con l'Ordine egiziano SEA, il presidente Schiattarella ed il presidente Alnaga hanno firmato un protocollo d'intesa per sviluppare i rapporti tra i due Ordini in un ottica di collaborazione costante in ambito culturale e professionale.  SEA ha accolto con grande entusiasmo l'opportunità di instaurare rapporti con l'Ordine romano proponendo immediatamente alcune prime iniziative di scambio culturale a breve termine.  All'incontro erano presenti insieme al Presidente Alnaga, i rappresentanti del Consiglio della SEA, il vice-presidente Nabil Ghali e gli architetti Mamdouh Azmy, Abdallah Attia e Morad Kader. Per la parte italiana erano presenti il Presidente Schiattarella e l'architetto Leyla Maggio in rappresentanza del Dipartimento Esteri dell'OAR.

L'incontro ha voluto porre come obiettivo, non solo la firma di un Protocollo di Intesa ma il raggiungimento di un accordo su come attivare quanto prima la cooperazione tra i due ordini e gli ambiti di cooperazione.  La proposta del Presidente Alnaga è stata di individuare un programma di cooperazione che investisse ambiti quali la formazione degli architetti, la pratica della professione, le gare, i riconoscimenti ed i premi da assegnare.  L'idea è quella di formare una piattaforma di scambi e relazioni tra i due ordini che li porti ad relazionarsi con gli altri Ordini Mediterranei europei, africani e mediorientali date la comune cultura mediterranea e la vicinanza geografica, portando così a costruire uno scenario comune per le prossime generazioni di architetti che potranno lavorare secondo gli stessi principi e regole (estrapolando alcune indicazioni dai principi di ACCORD (UIA)). 

Alla base delle azioni e delle iniziative dei due ordini dovranno essere sempre presenti i concetti e le linee guida della formazione, pratica professionale e del  CPD (Continuing professional development). 

Come prima iniziativa il Presidente Alnaga ha proposto che ogni membro del Consiglio dei due ordini possa essere parte di una giuria per la selezione di architetti/studi di architettura a seguito di gare.  I due ordini potranno scambiarsi i membri della giuria ogni qualvolta ve ne sarà necessità invitando uno o più membri del Consiglio dell'altro ordine a partecipare in giurie locali. 

Una seconda iniziativa è la selezione da entrambe le parti di un esperto per ogni ambito architettonico, che possa, al momento dato, viaggiare in Egitto o in Italia su richiesta di ciascun ordine ma sempre sotto gli accordi dell'UIA.

Gli ambiti individuati durante la riunione sono stati i seguenti:

  1. Architettura del Paesaggio
  2. Pianificazione Urbana
  3. Infrastrutture e Trasporti
  4. Edilizia popolare
  5. Edilizia pubblica
  6. Edilizia commerciale
  7. Architettura per la cultura e formazione
  8. Architettura sanitaria
  9. Architettura dello sportiva e del tempo libero
  10. Architettura del Turismo
  11. Architettura rurale
  12. Architettura eco-sostenibile
  13. Conservazione dei beni architettonici

Tali esperti sarebbero portatori della cultura, formazione ed esperienza acquisita in anni di professione, a supporto e servizio degli scambi culturali e professionali tra i due Paesi.  Entrambi gli Ordini potrebbero disporre degli elenchi qualora vi fosse la necessità di interpellare tali esperti per specifiche questioni o semplicemente per partecipare a lectures e convegni. 

E' stato inoltre ipotizzato di organizzare l'equivalente del Progetto Leonardo tra l'Italia e l'Egitto, per dare la possibilità a giovani neo-laureati italiani ed egiziani di godere di un periodo di stage presso uno studio di architettura dell'altro Paese. Ciò porterebbe ad un avvicinamento dei giovani italiani ai giovani egiziani anche nell'ottica di cooperazioni professionali future. Tale progetto potrebbe in futuro coinvolgere gli altri Paesi del Mediterraneo.


data pubblicazione: lunedì 25 ottobre 2010
architettiroma è su twitter architettiroma è su facebook le istruzioni per iscriversi al feed RSS Iscriviti alla newsletter di architettiroma.it
Professione Progetto Internazionalizzazione Firma del Protocollo di Intesa con the Society of Egyptian Architects