Newsletter Bulgaria Marzo

 

La fabbrica della "Great Wall" Litex motors ha aperto in Bulgaria

 

Quasi 65 milioni di leva sono stati investiti fino ad oggi nella costruzione del primo stabilimento per la produzione di automobili in Bulgaria. Il Primo Ministro Boyko Borisov e altri tre ministiri hanno tagliato il nastro dello stabilimento Litex Motors nei pressi di Lovech, che produrrà le auto cinesi "Great Wall". "Sono felice di inaugurare uno stabilimento che darà lavoro a 200 persone di età compresa tra i 19 ei 25 anni", ha detto Borisov, aggiungendo che la produzione del nuovo impianto dispone di tutte le licenze per l'Europa e che "ogni automobile esportata dalla Bulgaria sul mercato estero porterà dei vantaggi al paese".

Sono fiducioso che questo non sarà l'ultimo investimento cinese in Bulgaria, ha detto il Ministro Traykov e ha ricordato che il governo della Bulgaria ha sostenuto la costruzione della strada per la fabbrica con 2.400.000 leva. "Stiamo negoziando anche con le province di Guangdong e Shanghai e siamo sicuri che ci saranno investimenti anche nella nuova zona commerciale di Bozhurishte, la cui progettazione è in fase molto avanzata", ha aggiunto. Si prevede entro quest'anno l'inizio della costruzione delle infrastrutture.

La nuova fabbrica per la produzione di automobili "Great Wall" e' ubicata nel paese di Bahovitsa, in provincia di Lovech e si estende su una superficie di 50 ettari. La capacità produttiva è di 50.000 auto all'anno. È previsto l'impiego di 2.000 persone. La fabbrica è stata costruita in collaborazione con il più grande fabbricante automobilistico privato della Cina "Great Wall Motor", mentre l'investimento principale è della compagnia bulgara "Litex Motors".

 

Bulgaria: emendamenti alla legge sulle fonti rinnovabili

Il 25 gennaio 2012 il Parlamento Bulgaro ha approvato in prima lettura alcuni emendamenti alla legge sulle fonti rinnovabili (l'entrata in vigore richiede una nuova approvazione in seconda lettura e pubblicazione sulla G.U.), riguardanti le procedure ed i termini di connessione alla rete (anche per gli impianti con contratti preliminari già stipulati).

In estrema sintesi, entro 3 mesi dall'entrata in vigore della legge emendata, i Gestori della rete dovranno presentare un programma di allacci conforme al "Piano di sviluppo decennale della rete di trasmissione e di distribuzione". Tale programma dovrà elencare progetti, potenze e date di connessione.

Gli investitori con contratti preliminari riceveranno una data per la connessione alla rete e dovranno - entro un mese - confermare o rifiutare i termini proposti. In caso di conferma, si procederà al contratto finale; in caso di rifiuto (o di mancata risposta entro i termini) il contratto preliminare decadrà.

Si prevede l'introduzione, in sede di seconda lettura, di un'importante modifica la quale, se approvata, farà coincidere il momento di applicazione del prezzo preferenziale con la data di entrata in esercizio (cd. atto 16) anziché con la data, attualmente applicabile, di predisposizione del verbale di completamento.

 

 

Scienziati bulgari ricavano combustibile dai rifiuti

Nella capitale bulgara si è tenuta la conferenza stampa sull'interessante scoperta che riguarda un nuovo efficiente metodo per la conversione dei rifiuti urbani in combustibile (gas ad alto contenuto calorico in alternativa al gas naturale). Il prof. Venko Beschkov, direttore dell'Istituto di Ingegneria Chimica presso l'Accademia delle Scienze Bulgara ed Ivaylo Spassov, direttore della società "Sofia Invest Engineering", hanno illustrato la loro scoperta, precisando che al momento non è nota un'altra tecnologia simile. La loro invenzione è gia' stata brevettata ed il combustibile ottenuto è il gas pirolitico.

"Il metodo proposto è una combinazione vincente del trattamento dei rifiuti solidi urbani a temperature molto elevate con basso consumo di energia. Otteniamo quindi, come prodotto principale, un gas ricco di monossido di carbonio ed idrogeno che può essere adoperato direttamente per usi domestici o dall'industria energetica" - ha annunciato il prof. Beschkov.  "In questo modo si risparmia gas naturale e petrolio, si abbassa lo sfruttamento delle fonti non rinnovabili, poiché le recuperiamo ed utilizziamo in gran parte sotto la forma di energia" ha spiegato lo scienziato bulgaro.

L'estrazione del gas avviene da un impianto che consuma tra 5 e 10 volte meno energia rispetto alla quantità che può fornire il combustibile ottenuto. Questo renderebbe il metodo molto redditizio e competitivo. La nuova tecnologia ha un basso consumo energetico, forse cento volte minore rispetto a quello della tecnologia tradizionale utilizzata per lo smaltimento termico dei rifiuti solidi, ha aggiunto Beschkov. Un semplice compressore per pneumatici, un generatore di ossidrogeno e un forno pirolitico compongono l'attrezzatura necessaria per la produzione del nuovo gas.

Nel forno ad una elevata temperatura, fra 2000° C e 3000° C, i rifiuti bruciando producono il gas con una conformazione molto simile al metano. "Come risultato, i rifiuti, completamente distrutti, vengono trasformati in energia sotto forma di gas e rimane una piccola parte in forma di carbonio che può essere utilizzato per altri scopi nell'industria oppure rilavorato e convertito in energia", ha spiegato Beshckov.

Da un kg di rifiuti trattati si ricavano circa 2 metri cubi di gas. Un megawatt di energia si potrebbe ottenere dalla combustione di una quantità di rifiuti compresa da 300 kg al 1000 kg, in funzione della composizione nella spazzatura, che ha un diverso potere energetico. Il maggior contenuto energetico si ha nella plastica, invece i rifiuti alimentari hanno un potere energetico 3-4 volte minore. Si possono utilizzare tutti i tipi di rifiuti, salvo il vetro, il metallo ed i materiali inerti come ceramica, sabbia e pietra. La tecnologia non dipende dalle caratteristiche climatiche del paese, non è influenzata dalle condizioni atmosferiche stagionali e nemmeno dall'umidità dei rifiuti stessi.

Ivaylo Spassov, direttore della società "Sofia Invest Engineering", ha precisato che "L'installazione è completamente indipendente da combustibili fossili o loro derivati. Dal punto di vista della salvaguardia dell'ambiente i livelli d'inquinamento sono molto bassi, addirittura direi, che sono sotto gli standard minimi. Ma anche in questa forma vi saranno degli impianti aggiuntivi per un'ulteriore ripulitura di quello che viene rilasciato nell'atmosfera."

Il Prof. Venko Beschkov ha affermato che la loro soluzione è così conveniente ed avanzata che stupisce alcuni potenziali clienti, che non possono credere che sia così facile da ottenere il combustibile in un modo così diretto ed a buon mercato. Inoltre l'investimento sarà alcune volte più conveniente rispetto ai dispositivi offerti sul mercato per l'incenerimento dei rifiuti urbani, riducendo drasticamente l'inquinamento.

Gli scienziati sperano che l'invenzione utile e vantaggiosa lasci quanto prima il laboratorio ed inizi la sua produzione industriale. L'impiego del metodo in pratica è estremamente semplice in quanto non richiede la costruzione di impianti industriali di grandi dimensioni. Secondo gli inventori questo è il loro contributo per la soluzione dei due grandi problemi della società moderna - il risparmio energetico ed il trattamento dei rifiuti solidi urbani.

 

Due volte maggiorati i fondi comunitari per le infrastrutture dopo il  2014

E' quanto dichiarato dal Ministro dei Fondi Europei Tomislav Doncev durante la conferenza "La Bulgaria e il quadro pluriennale finanziario dell'UE per il 2014 - 2020", svoltasi a Sofia. Il paese puo' contare su 17.1 miliardi di lev di denaro a fondo perduto e insieme al cofinanziamento nazionale I mezzi supereranno 20 miliardi di lev. Cosi' rispetto al periodo attuale di programma risulteranno circa 4.5 miliardi di lev in piu'.

Il fondo di coesione stanziera' il 30 % dei mezzi finanziari, ossia 6 miliardi di lev che saranno predestinati per le costruzioni di autostrade, linee ferroviarie e per il settore idrico. Attualmente l'importo per tale attivita' e' di 3.4 miliardi di lev.

Quanto ai mezzi per la formazione e la istruzione dei gia' occupati o dei disoccupati e per l'inserimento nella societa'essi saranno stanziati dal Fondo Sociale Europeo e sono circa 18% ossia circa 3.6 miliardi di lev.

La maggior parte dei mezzi finanziari per la Bulgaria saranno di provenienza del Fondo Europeo per Sviluppo Regionale - il 52%, ossia circa 10.4 miliardi di lev. La meta di questo denaro sara' predestinato per l'economia a basso tenore di carbonio, innovazioni e per le medie e le piccole imprese. Il resto sara' per lo sviluppo urbano.

 

vedi anche:

Concorso aperto per progetto di giardino

International Open Architectural Competition

Il cibo e l'architettura

International Open Architectural Competition

Valorizzare piazza Sveta Nedelya

Urban Concept and Architectural Design and Development

Collider Activity Center a Sofia

International Open Architectural Competition

Due nuove gare per progetti in Bulgaria

Comune di Stara Zagora - Comune di Karlovo

Due nuove gare per progetti in Bulgaria

Municipalità di Plovdiv - Comune di Dobrich

Restauro di un palazzo a Burgas

Bando di gara - procedura aperta

Museo Nazionale"Vasil Levski" a Karlovo

Sportello Bulgaria - avviso concorso

Ristrutturazione complesso residenziale

Avviso di gara - Sofia Municipality

Monumento di Re Simeon Veliki

Sportello Bulgaria - avviso concorso

Complesso Metrologico Nazionale a Sofia

Sportello Bulgaria - avviso concorso

Sottopassaggio tra le vie di Plovdiv

Sportello Bulgaria - avviso gara

Casa delle Arti a Pernik. Bulgaria

Sportello Bulgaria - avviso concorso

Sala sportiva multifunzionale a Sofia

Sportello Bulgaria - avviso gara

Piazza centrale e zona pedonale

Sportello Bulgaria - avviso di gara

Firmato accordo con la Bulgaria

Ordine Arch. di Roma - OICE - Collegio Arch. di Sofia


data pubblicazione: lunedì 16 aprile 2012
architettiroma è su twitter architettiroma è su facebook le istruzioni per iscriversi al feed RSS Iscriviti alla newsletter di architettiroma.it
Professione Progetto Internazionalizzazione Newsletter Bulgaria Marzo