monitor/d
 Benvenuto Campanini 
Benvenuto Campanini nasce a Torino il 26 luglio 1931.
Si laurea alla Facoltà di Architettura di Roma nel 1959,
superando l’esame di Stato a novembre dello stesso
anno.
Inizia la propria attività professionale a Roma nel 1960
presso lo studio dell’arch. Michele Busiri Vici, collaborando
a vari progetti di architettura, arredamento e giardini,
in tutta Italia ed in particolare in Sardegna-Costa
Smeralda (Olbia Tempio) e Circeo (Latina).
Dal 1965 avvia l’attività del proprio studio a Roma e
inizia a svolgere la professione in Italia, in Etiopia e in
India. Negli anni 1968-70 si dedica all’ampliamento del
Jubilee Palace (Palazzo Imperiale) ad Addis Abeba
(Etiopia), realizzando l’arredamento della Main Hall e
della Twinn Hall, l’appartamento imperiale, l’appartamento
ospiti, il belvedere e il museo, in collaborazione
con l’arch. Leopoldo Mastrella e con l’impresa Salini.
Con quest’ultima progetta inoltre l’area VIP e l’arredamento
del nuovo Aeroporto di Sarir in Libia (1982).
Si occupa di numerosi progetti di ristrutturazione ed
arredamento a Roma: per l’Ambasciata Australiana, di
cui cura il progetto di architettura degli interni ed arredamento
per la residenza ed il Consolato (1973-74);
per l’Ambasciata Britannica e per il British Council, ristruttura
la sede di via delle Quattro Fontane (1991-92),
con l’arch. M. Iannozzi.
Per il Consolato dell’Ambasciata Italiana a New Delhi
(India) si occupa del progetto di architettura degli interni,
sia riguardo l’arredamento dei giardini che la residenza
(1989-90).
Nel 1967-68 elabora lo studio di PTP in Calabria, Puglia
e Basilicata per la Cassa per il Mezzogiorno, con
i cui finanziamenti mette a punto i progetti di scavi archeologici
per le Soprintendenze della Calabria e della
Basilicata (1968-70), con i Soprintendenti Foti ed Adamesteanu,
a Sibari (Cosenza), Policoro e Metaponto
(Matera).
Negli anni ’70 vince il concorso per la realizzazione dei
Centri operativi ITALCABLE di Roma-Acilia insieme
agli architetti V. Bacigalupi, B. Boni, S. Brugnoli e agli
ingg. P.L. Nervi e V. Carbonara (1971-75), con cui realizza,
per la stessa società, anche i centri di Cassina de’
Pecchi (Milano, 1977-85).
Nel 1971 redige progetti per l’Istituto Autonomo Case
Popolari a Pomezia (Roma) e, tra il 1975 e il 1988, realizza
nella capitale, con l’arch. M. Iannozzi, la Primary
School e una piscina all’aperto per la scuola St. George’s
in via Cassia, curando la ristrutturazione dell’edificio
esistente delle scuole superiori. Tra il 1980 e il 1983
progetta inoltre scuole elementari ed un liceo a Roma-
Tor Bella Monaca.
Progetta e realizza varie ville per privati: villa Campanini-
Girotti (1971), villa Sonzogno (1984) e villa Paciotta
(1986) a Sacrofano (Roma); villa Buitoni a Perugia
(1973), di cui progetta anche l’arredamento; villa Soldati
in rue de Jardins Exotique a Montecarlo (Principato
di Monaco, 1973), con gli archh. G. Bongiorni e M. Iannozzi;
villa Pignalosa a Roma-Eur (1990-91); villa Valentini
a Talamone (Grosseto) di cui elabora un progetto
di ristrutturazione, di arredo e giardino (1992), quest’ultimi
due in collaborazione con l’interior design Cristina
Campanini. Progetta inoltre diverse ville a Roma, all’Olgiata,
a Casalpalocco (1990-91) e all’Infernetto, dove si
occupa della direzione lavori di villa Casantini (1995).
Ristruttura villino Buccolini a Terracina (Latina), curandone
l’arredo interno ed esterno (2006-07), progetta
villa Roncacci a Morlupo (Roma, 2008) e realizza una
piscina con annesso spogliatoio a Poggio Catino (Rieti)
per i Sig.ri Bandiera (2008-09), con l’interior design
Cristina Campanini.
Si occupa tra il 2005-08 di varie ristrutturazioni ed arredamenti
per hotels (l’ultimo dei quali il Duca d’Alba a
Roma), negozi e case private.
A Roma cura l’arredamento dei negozi: Polidori in
via Condotti (1973), Di Castro in via Po (1980), delle
boutiques Terracina in via Lazio (1984) e in via Veneto
(1986), dove arreda anche il negozio di abbigliamento
Caviglia (1985-86). Per la società FILA arreda l’omonimo
negozio in via dei Due Macelli (1990) e progetta
due corner presso la Rinascente di piazza Fiume
(1994); ristruttura il negozio La Malmaison in via Durazzo
(2004), con l’interior design Cristina Campanini.
Sempre in collaborazione con quest’ultima progetta
l’arredamento della foresteria del Presidente della Corte
Costituzionale nel Palazzo della Consulta a Roma
(1987), si occupa della ristrutturazione e dell’arredamento
di un appartamento a piazza Fontana di Trevi,
per la società Cosmar (1987-88) e ristruttura casa Favi
in via U. de Carolis 104 (2007-08).
Nel 1984 progetta ed arreda un giardino in via S. Valentino
16 a Roma per la Sig.ra Pantanella. In seguito
partecipa e vince il concorso per l’arredo e la sistemazione
dei giardini di villa Savorgnà dè Brazza (Palazzo
Barberini) a Roma, per il Circolo Ufficiali d’Italia (realizzati
tra il 1999 ed il 2004) e collabora nel 1997-98 con la
Soprintendenza ai Monumenti di Roma per il restauro
dei giardini della Galleria Borghese. Ristruttura tra il
1990- 2010 i giardini per il Circolo Canottieri a Roma, di
cui mantiene ad oggi la sovrintendenza dei lavori.
Dal 1983 al 1987 organizza all’Istituto Europeo di Design
di Roma un Master per neolaureati di Architettura
del Paesaggio, svolgendo il medesimo corso presso
l’Istituto Quasar di Roma dal 1990 al 1998.
Dal 1979 al 1981 è Tesoriere dell’Associazione degli
Architetti del Paesaggio (AIAPP) e membro della Commissione
delle specifiche per l’Ordine degli Architetti. E’
inoltre Perito del Tribunale Civile di Roma (CTU).
Attualmente sono in corso di realizzazione in Roma
i progetti di ristrutturazione ed arredo dell’appartamento
e terrazzi in via della Camilluccia 623 e di villa
D’Alessio con parco, in via Rossellini (con F. Rocco),
entrambi in collaborazione con l’interior design Cristina
Campanini.
Sempre con quest’ultima è in corso di esecuzione l’intervento
di demolizione e ricostruzione dell’edificio rurale
(proprietà Ciarrocchi) a Ripatransone (Ascoli Piceno),
da adibirsi a Bed and Breakfast, di cui sarà curato
anche l’arredamento.

 

 

   
 

progetti

profilo

elenco opere

 

 

credits