Chiarimento sulle norme vigenti di contratto tra l'architetto e il cliente

Una circolare del Consiglio Nazionale Architetti fornisce indicazioni utili sulle nuove norme previste per i professionisti in relazione ai contratti da stipulare con il clienteNe riportiamo alcuni stralci.

Le nuove norme approvate con il DL 1/2012, convertite con modifiche dal Parlamento il 23 marzo 2012 hanno modificato le consuetudini contrattuali tra il professionista e il cliente.

La nuova norma, infatti, stabilisce che il compenso è pattuito tra cliente e architetto sulla base di parametri che gli stessi liberamente concordano, dovendo il professionista rendere noto al cliente:

  • il grado di complessità dell'incarico;
  • la previsione dei costi fino alla conclusione dell'incarico stesso;
  • gli estremi della polizza di RC professionale con relativi massimali.

Ciò significa che dev'essere redatto in forma scritta un contratto, anche semplice, che descriva l'incarico professionale e ne stabilisca il compenso, riservandosi di rimodularlo in caso di eventuali varianti successive o di maggiori oneri che dovessero insorgere per cause esterne impreviste ed imprevedibili all'atto dell'affidamento o di forza maggiore; anche questi successivi eventuali nuovi oneri dovranno essere esplicitati in forma scritta.

[...]

Non è escluso che per la determinazione del quantum il professionista possa attingere alla ex tariffa professionale per i lavori privati o pubblici, da utilizzare, ovviamente, solo come termine di valutazione senza necessariamente utilizzarne tutte le voci od i valori indicati. Appare del tutto ragionevole che possano essere utilizzati, quindi, quei parametri usualmente utilizzati fino ad oggi, così come nuovi parametri liberamente scelti purché resi chiari al cliente.

[...]

vedi anche:

Vademecum sulla riforma delle professioni

In attesa della conversione in legge del DL 1/2012


data pubblicazione: lunedì 2 aprile 2012
architettiroma è su twitter architettiroma è su facebook le istruzioni per iscriversi al feed RSS Iscriviti alla newsletter di architettiroma.it
Professione Chiarimento sulle norme vigenti di contratto tra l'architetto e il cliente