Sportello consulenze on-line

Procedure Edilizie e Urbanistiche

leggi le risposte alle domande più frequenti.

11/07/2017: SUET

Il proprietario di un appartamento mi ha chiesto di predisporre una CILA in sanatoria per regolarizzare la realizzazione di due tramezzi eseguiti per separare la zona cucina dal soggiorno. Nel mese di marzo u.s. il proprietario ha ricevuto la lettera per il ritiro della concessione edilizia in sanatoria dall'ufficio condono. Nel frattempo ha chiesto la rateizzazione del pagamento degli oneri, quindi la concessione potrà essere ritirata soltanto dopo avere saldato il pagamento. Si può presentare la CILA al SUET in questa fase o è necessario ritirare prima la concessione edilizia in sanatoria relativa al primo condono?

Non è strettamente necessario.
Il condono in corso non va espressamente citato nella CILA da presentare
architetto Massimiliano Cafaro

07/07/2017: CAMBIO DESTINAZIONE D'USO , frazionamento e Oneri di Costruzione

Devo effettuare un frazionamento con cambio di destinazione d'uso in zona Prati: da 1 u.i. uffico si passa a 2 u.i. residenziali.
In municipio mi hanno confermato la possibilità di effettuare tutto tramite portale Suet con una Cila.
Per quanto riguarda il discorso degli oneri trovo delle discordanze tra il calcolo on-line e il calcolo effettuato da me seguendo le delibere.
Nello specifico:
1) trattandosi di ristrutturazione dovrei pagare gli oneri di costruzione in base all"importo dei lavori da realizzare (come da cme del tecnico)
2) trattandosi di un passaggio da destinazione a Cu/m a destinazione Cu/b non dovrei monetizzare gli standard già soddisfatti (compresi i parcheggi).

Dalle delibere sembra dover contabilizzare gli oneri di costruzione solo per le residenze in zona agricola.

La Circolare 131351 del 04/08/2015, emanata dal Dip.to P.A.U., relativamente ai cambi di destinazione d’uso, individua, nel suo caso, quale procedura edilizia da attuare il permesso di costruire, o in alternativa la SCIA, che ha sostituito la DIA.
Per quanto riguarda il pagamento del contributo di costruzione, trattandosi di cambio di destinazione d’uso da una categoria all’altra, individui all’interno della Circolare n. 67246 del 27/06/13 emanata dal PAU, a quali capitoli fare riferimento, per determinare gli eventuali oneri di urbanizzazione e costo di costruzione dovuti.
La stessa cosa deve fare per verificare se deve monetizzare gli standard, consultando la Circolare n. 99440 del 30/11/2012, emanata dal PAU.
Architetto Rolando De Stefanis

07/07/2017: Accertamento di conformità

Progetto approvato di un fabbricato con un piano tipo che si ripete. In tutti gli appartamenti; in una delle stanze si ripete un finestra non presente nel progetto. Come CTU intendo applicare l'art.36 del D.P.R. 380, il tecnico responsabile dell'ufficio tecnico competente mi ha riferito che la modifica non è significativa per cui va bene così (sarei ben felice ma non credo sia possibile).

Sono d'accordo con lei sulla necessità di regolarizzare la difformità esistente, attraverso l'accertamento di conformità, come previsto dall'art. 22 della Regione Lazio n. 15 del 2008.
Architetto Rolando De Stefanis

05/07/2017: quesito

In caso di rifacimento di impianti (elettrico, di condizionamento, sostituzione caldaia e pannelli solari) in un'abitazione privata è necessario fare una CILA o basta una CIL?

(Quando parlo di rifacimento di impianti intendo una loro "ristrutturazione", con aggiunta / spostamento di punti luce, spostamento split e aggiunta di bocchette per AC etc.)

Inoltre, stessa domanda (CIL o CILA?) nel caso di sostituzione di pavimentazione esterna esistente ed con aumento dell'area della stessa.

Dalla descrizione delle opere elencate, a mio parere, queste rientrano tra quelle previste dall’art. 6 del D.P.R. 380/01, attività edilizia libera.
Architetto Rolando De Stefanis

04/07/2017: quesito

Visto che il piano casa non è più vigente, per realizzare una serra solare a Roma a quali leggi fare riferimento per individuare la legittimità e la consistenza dell'intervento?

Premesso che il piano casa regionale, non prevedeva la realizzazione delle serre solari, lei può fare riferimento a quanto contenuto nelle N.T.A. del P.R.G. art. 4 punto h) e alle disposizioni della Legge Regione Lazio n. 6 del 2008.
Architetto Rolando De Stefanis

02/07/2017: quesito

Relativamente alla proroga del termine di ultimazione dei lavori per un permesso di costruire l'art. 30 della L. 98/2013 dice che è applicabile ai " titoli abilitativi rilasciati O COMUNQUE FORMATISI prima del 22 giugno 2013 [il maiuscolo è mio].
Qual è il senso di quel "comunque formatisi"?
Nello specifico: per un immobile di cui seguo la costruzione come D.d.L. è stato rilasciato il P.d.C. il 18/2/2014 e mi pare legittimo sostenere che tale titolo si è FORMATO prima del 22/6/2013 essendo la pratica per il suo ottenimento avviata già dal 2011, con conseguente diritto a richiedere e ottenere la proroga.
E' corretta la mia lettura?


La Legge 98 del 2013, c.d. “Decreto del fare”, prevedeva, tra le altre cose, anche la possibilità di proroga dei termini di inizio e di ultimazione dei lavori, di cui all’articolo 15 del d.P.R. del 6 giugno 2001, n. 380, per i titoli abilitativi rilasciati o comunque formatesi prima del 22/06/13.
Senza ombra di dubbio, il titolo a cui lei fa riferimento, è stato rilasciato in data successiva a quella prevista nella Legge citata, il comunque formatesi, a mio parere, è relativo ai titoli abilitativi in cui sia scattato il silenzio-assenso, di cui all’art. 20 del D.P.R. 380/01.
Peraltro, lei può richiedere una proroga ordinaria, con le modalità previste dall’art. 15 del D.P.R. richiamato.
Architetto Rolando De Stefanis



07/06/2017: CAMBIO DESTINAZIONE D'USO E Oneri di Costruzione

Dovrei fare una DIA per cambio di destinazione d'uso da A/3 ad A/10 (studio dentistico privato), l'immobile ricade nel tessuto T2 città consolidata (VII municipio ROMA), ora al municipio mi è stato detto che si può fare, però con una precisazione devo pagare gli oneri concessori, e gli standars urbanistici, volevo capire qual è il calcolo, o a quali norme/leggi fare riferimento visto che sono andato sul comune di Roma, non sono riuscito a trovare, il come si esegue il tutto. Inoltre volevo aggiungere che l'appartamento è al primo piano di 65mq totali con h 300mt. è non bisogna fare alcuna lavorazione se non quella ordinaria, solo pittura, pavimentazione, e rifacimento impianto idraulico ed elettrico! detto ciò volevo chiederle bisogna pagare gli oneri concessori, ed standars urbanistici, e a quanto ammontano?

Il riferimento ai cambi di destinazione d’uso, non è la categoria catastale, ma la classificazione delle destinazioni d’uso contenuta nei P.R.G., nel caso di Roma è quella riportata nell’art. 6 delle N.T.A. del P.R.G..
Per quanto riguarda il calcolo del contributo di costruzione (oneri concessori) e gli standard urbanistici, vada sul sito di Roma Capitale, Struttura Organizzativa, Dipartimento Programmazione e Attuazione Urbanistica, link di sinistra – Atti amministrativi – Urbanistica e Edilizia, dove troverà tutti gli atti necessari, Delibere e Circolari, per determinare gli importi eventualmente dovuti.
Architetto Rolando De Stefanis

07/06/2017: Accertamento di conformità

Devo redigere una sanatoria per un appartamento a Roma per lavori eseguiti nel 1991. Nonostante i lavori siano stati effettuati prima del 2010, posso comunque fare una CILA in sanatoria? Ho saputo, inoltre, che occorre il progetto originale dell'intero edificio. E' realmente richiesto?

In questo caso, a mio parere, la procedura da applicare, è l’accertamento di conformità, previsto dall’art. 22 della Legge Regione Lazio n. 15 del 2008.
Per quanto riguarda il progetto, occorre indicare lo stato ante operam, relativo al progetto originale, riferito all’unità immobiliare interessata e lo stato post operam della stessa unità, con l’indicazione dei lavori eseguiti.
Architetto Rolando De Stefanis



1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 avanti

architettiroma è su twitter architettiroma è su facebook le istruzioni per iscriversi al feed RSS Iscriviti alla newsletter di architettiroma.it
Sportello consulenze on-line Procedure Edilizie e Urbanistiche