Sportello consulenze on-line

PERMESSO DI COSTRUIRE

15/12/2016: PERMESSO DI COSTRUIRE

Un mio cliente ha ottenuto un Permesso di Costruire convenzionato ai sensi dell'art. 28 bis del DPR 380/2001 per la realizzazione di un edificio privato. La convenzione che ha stipulato con il Comune prevede che egli realizzi e ceda un tratto di viabilità pubblica. Può sostituirsi alla stazione appaltante e affidare direttamente l'incarico per la realizzazione della viabilità ad un'impresa di sua fiducia? Può dirmi qual'è la norma di riferimento? Io sarò il Direttore dei Lavori per la realizzazione dell'edificio privato, posso dirigere i lavori anche per l'opera pubblica su incarico del mio cliente? Quali adempimenti devono essere assolti?

Come è noto il legislatore italiano da molti anni ha previsto la possibilità di scomputare la quota del contributo relativa ai relativi oneri di urbanizzazione se il titolare del permesso di costruire si obblighi a realizzare direttamente le opere di urbanizzazione,

Numerose sono state anche le pronunce della Corte di Giustizia delle Comunità Europee che hanno ribadito che la realizzazione di un'opera di urbanizzazione secondo le condizioni e le modalità previste dalla normativa italiana in materia urbanistica, costituisce un "appalto pubblico di lavori".

Oggi, in base alla vigente legislazione, per l’affidamento delle urbanizzazioni primarie a scomputo sotto soglia, il discrimine tra l’applicazione o meno della disciplina ad evidenza pubblica è il concetto di “funzionalità”.

Nel D.Lgs n. 50/2016, l’affidamento dei lavori per la realizzazione delle urbanizzazioni primarie non funzionali all’intervento e secondarie a scomputo, sebbene di importo inferiore alla soglia comunitaria, è assoggettato alle procedure ordinarie.

Le urbanizzazioni primarie a scomputo sotto soglia, funzionali agli interventi di trasformazione urbanistica sono disciplinate dall’art. 16, comma 2-bis del DPR n. 380/2001. In tal caso, dunque, le opere potranno essere eseguite senza l’osservanza delle regole di evidenza pubblica per la scelta dell’appaltatore.

Dalla domanda posta non è evidenziato se l’importo dell’opera pubblica da realizzare è sottosoglia comunitaria e se è funzionale all’intervento di trasformazione urbanistica del territorio e quindi all’incremento del carico urbanistico determinato dal nuovo edificio che ha ottenuto il permesso a costruire.

architetto Alessandra Montenero




architettiroma è su twitter architettiroma è su facebook le istruzioni per iscriversi al feed RSS Iscriviti alla newsletter di architettiroma.it
Sportello consulenze on-line PERMESSO DI COSTRUIRE