Qt Svg DocumentGenerated with QtLayer 1
Qt Svg DocumentGenerated with QtLayer 1

AREA
ISCRITTI OAR

Articolo
17 Settembre 2021

LE SETTE ROME. La capitale della disuguaglianza raccontata in 29 mappe – di Leila Bochicchio

È una città forse non più riconoscibile come tale, quella raccontata attraverso dati e cartografie da Keti Lelo, Salvatore Monni e Federico Tomassi nel libro “LE SETTE ROME. La capitale della disuguaglianza raccontata in 29 mappe”.

Sono infatti sette, per gli autori, le diverse entità urbane, tutte distinguibili e dissimili, seppur non univocamente collocabili, che concorrono alla definizione della vastissima area metropolitana estesa senza soluzione di continuità dalla costa del Tirreno fino alle prime pendici dell’Appenino.

Sette è un numero che a Roma ritorna sempre, legato alla storia della città come una sorta di scaramantico segno; sette sono in questo libro i “mondi diversi per estetica urbana” che delineano, attraverso il loro divario, molteplicità e giustapposizione, il corpo e l’anima della capitale.

Non una sola entità, dunque, ma realtà plurali, ognuna con la propria immagine, il proprio carattere e funzionamento economico e sociale, le proprie criticità e opportunità; ognuna, però, priva di una posizione geografica distinta, o meglio, esclusiva.

Le sette Rome, infatti, si affastellano, si intrecciano, confinano, si alternano e si influenzano a vicenda in un concatenarsi di perimetri che descrivono e racchiudono condizioni diverse, persone diverse, dinamiche diverse: in sintesi, appunto, città diverse.

La prima città è quella storica, forse l’unica tra tutte ad essere talmente tanto Roma da non coincidere più con la complessa ed estesa realtà della capitale contemporanea. È la città delle testimonianze artistiche, architettoniche e archeologiche, la città delle istituzioni e dei turisti, la città che tutti conoscono ma che nessuno in realtà possiede, ormai lontana, com’è, dalla realtà quotidiana di gran parte dei suoi abitanti.

Tra tutte è anche la sola a coincidere con una precisa identità fisica, quella del centro storico; l’unica a convergere in una distinta e a sé stante dimensione spaziale, non disseminata e spezzettata, come sono le altre, in porzioni di territorio anche distanti tra loro.

La seconda città è ricca; è quella composta dall’insieme dei quartieri benestanti, a volte lontani dal centro e tra loro, ma accomunati dall’alto tenore economico dei residenti.

La terza è la città compatta, quella dei quartieri intensivi nati nel secondo Novecento, nel periodo del boom economico e dell’espansione post-bellica.

La quarta città è quella del disagio, dei quartieri di edilizia economica e popolare circondati da borgate e insediamenti ancora in parte abusivi.

La quinta è quella dell’automobile, che si insinua lineare lungo le consolari e gli altri assi a scorrimento veloce; è la città che, oltrepassando il limite di ciò che comunemente è definito urbano, dà vita a un’altra realtà – la sesta– la città-campagna, che dilaga punteggiando o fagocitando quel che ancora resta dell’Agro Romano.

C’è infine un’ultima città, la settima, in cui l’operazione di lettura e analisi a partire da rilevazioni e dati statistici non è praticabile. La scientificità dell’evidenza numerica cede il passo, qui, all’incertezza del non misurabile; gli indicatori che accuratamente e oggettivamente riescono a descrivere le sei città precedenti, nella settima non sono più validi.

La città degli invisibili, quella del susseguirsi di occupazioni e sgomberi, dei campi rom, dei luoghi marginali colonizzati dai migranti, la città delle carceri, dei presidi ordinari e di quelli per il freddo, la città dei senza fissa dimora sfugge alla lettura univoca che si realizza per numeri, poiché è mutevole, nascosta, instabile.

La città degli invisibili si sposta continuamente, è difficile da perimetrare, localizzare, quantificare ma tanto quanto le altre è uno dei sette – o forse più – volti che realizzano la città metropolitana.

Il libro è frutto di un lavoro di ricerca che gli autori, di formazione diversa, da tempo conducono e testimoniano anche attraverso il sito web mapparoma.info, dove mettono a disposizione fonti e risultati delle analisi condotte. Le loro mappe riproducono in un’immagine analitica e con una precisione quasi medica la realtà urbana romana; le loro ispezioni dettagliate mirano a rappresentare un corpo di informazioni utili per comprendere la città, ma anche per essere una base a partire dalla quale agire in una condizione urbana da tempo in crisi. Una crisi evidente sotto numerosi punti di vista, non ultimo quello identitario: Roma non è nessuna delle sette città indagate, ma qualcosa che si avvicina a una complessa sommatoria di condizioni e di mondi estremamente diversi tra loro, multiforme, plurale, diseguale.

Le Sette Rome è stato preceduto da un altro volume degli stessi autori, pubblicato nel 2019 con il titolo “Le mappe della disuguaglianza. Una geografia sociale metropolitana”. In quella occasione, accanto e a confronto con Roma, erano state indagate le aree metropolitane di Milano, Napoli, Torino.

Di queste città erano stati passati al setaccio i quartieri e i comuni dell’hinterland, guardando ai temi di maggiore interesse non solo per gli addetti ai lavori ma anche per i cittadini, dai trasporti alla scuola, dal turismo all’ambiente, dalla sanità alla presenza di stranieri, anche in quel caso con il fine di evidenziare e di interrogarsi sulle disparità socio-economiche che caratterizzano, oggi, gran parte delle grandi realtà urbane in Italia e non solo.

Leila Bochicchio, Redazione AR Web

Keti Lelo, Salvatore Monni, Federico Tomassi – Le sette Rome. La capitale delle disuguaglianze raccontata in 29 mappe, Donzelli Editore, 2021

ALLEGATI
PHOTOGALLERY

TAG

CONDIVIDI

VEDI ANCHE
Aprile 14 2022
La Formazione dell’OAR, nelle sue linee programmatiche generali, intende fornire un supporto valido e concreto all’aggiornamento delle conoscenze normative, tecniche...
articolo
Professione
Aprile 8 2022
La ristrutturazione della GIL Trastevere ha stimolato un dibattito che partendo dai criteri del progetto di restauro arriva fino ai...
articolo
Conservazione
Aprile 4 2022
[ Introduzione al libro “Attualità di Borromini. Una lezione di Paolo Portoghesi” / Architetti Roma edizioni e MAXXI, Roma 2021...
articolo
Architettura