Qt Svg DocumentGenerated with QtLayer 1
Qt Svg DocumentGenerated with QtLayer 1

AREA
ISCRITTI OAR

Articolo
30 Aprile 2021

Algoritmo Capitale – di Annunziato Seminara

Roma. Ha un nome troppo breve, sembra ancora inesplorata nella eternità del tempo, quando storia e mito si alternano e la esaltano. Fino a denigrarla. Per poi esaltarla come si vorrà per i 150 anni di Capitale d’Italia. Una città densa di problemi insoluti, che sarebbe da far decifrare all’algoritmo della matematica di numeri e di geometrie. Se la città cresce con variabili numeriche, gli abitanti, e si distribuisce in superfici sul terreno, può in analogia essere letta da un algoritmo? Quando poi è la “Caput Mundi” (Anneo Lucano, 61 a.C.), l’icona che evoca il suo primato fino dai confini del tempo? Il tempo in cui per convenzione la fondarono nel 753 a.C. Romolo e Remo, i figli della Lupa. Anche se è più attendibile che l’origine sia di quattro secoli prima, la Rumon, o Rumen, ovvero la città dell’antico Tevere, la città sul fiume, dai primi insediamenti di pastori e di rifugiati da guerre dei territori limitrofi, persino da terre lontane. Storia di ieri e, chissà, di oggi.

Finché quella città disegnò il suo Impero con la prestigiosa ingegneria delle strade, degli acquedotti e dei porti e subliminò nel dominio militare la romana virtus dell’etica della Politica e del Diritto, arricchendo di beni immateriali il civis romanus.

Tutti parametri per l’algoritmo dei numeri e delle geometrie nel territorio. Tanto, come premessa a quel 3 febbraio del 1871, quando Roma fu proclamata Capitale d’Italia. 150 anni di grandi stravolgimenti. In sintesi i più significativi.

Quelli degli attraversamenti del fiume, secondo lavori di un programma della città pietrina già approntato con alcune opere di ingegneria di notevole interesse, scadenzate nella realizzazione di quattro ponti metallici. Di questi il progetto del giovanissimo ingegnere-architetto Raffaele Canevari, una passerella pedonale sospesa tra San Giovanni dei Fiorentini e Palazzo Salviati (1861-63), che per il pedaggio i romani battezzarono “ponte der sordino”. Fu demolita, purtroppo, nel 1941 dopo la costruzione del vicino ponte Principe Amedeo D’Aosta (1942). Altri ponti metallici con diverse soluzioni furono una pregevole testimonianza nel secolo della rivoluzione industriale: a travi reticolari ad arco e passerelle, come quell’altra sospesa (ing. Pietro Lanciani) che rendeva praticabile il rudere del Ponte Senatorio o Ponte Rotto, anche questa rimossa. Opere ancor più significative perché erano dovute a professionisti romani. Ma la primaria emergenza era la difesa dal fiume per il contenimento delle piene. Lo stesso Canevari, dopo l’esondazione del Tevere del 28 dicembre 1870, dovette occuparsi della “preoccupazione capitale”. Il progetto dei muraglioni a golena di 12 metri di altezza, appaltato il 3 dicembre 1876, consentì i lavori di una ciclopica infrastruttura, completata 50 anni dopo. Furono necessarie molte modifiche e difficoltose opere idrauliche per il consolidamento degli argini, circa 18 km complessivi sulle due sponde, con la rimozione di numerosi mulini per le macine di cereali e grano e con la bonifica dei Prati di Castello. Va però menzionato “il progetto Garibaldi”, sì, proprio lui, che per renderlo navigabile propose in Senato la deviazione del Tevere verso sud, argomento che andrebbe approfondito in altra sede. E poi “la città fortificata” per la nuova capitale, importante opera infrastrutturale alla stregua delle altre capitali europee.

Roma, Tevere nei pressi del Porto di Ripa Grande,1711 – Gaspar Van Wittel – Fonte web

Dal 1871 al 1892 si realizzò un sistema di forti e “batterie” che implicarono non poche trasformazioni del disegno urbano e sollevò distinguo abbastanza rilevanti fra i professionisti privati e il Genio Militare dei piemontesi, i quali rivendicavano esclusiva autonomia anche incidendo nell’urbanistica romana.  I lavori di capisaldi fortificati a distanze regolari e collegati da trinceroni solcati nel terreno, furono realizzati in due fasi: la prima (ing. Garavaglia), Monte Mario, Forte Braschi, Boccea, Aurelia Antica e Bravetta; quindi la seconda (ing. D. de La Penne), Trionfale, Ostiense, Ardeatino, Casilino, Prenestino, Tiburtino, Pietralata, Monte Antenne e le batterie Appia Pignatelli, Porta Furba e Nomentana. Le costruzioni militari, oggi sommerse dall’espansione urbana, attestano grande rilievo storico per le assonanze murarie con le antiche fortificazioni romane e per le soluzioni strutturali adottate.

Intanto la Roma del Regno dei Savoia diventava “la città per convenzione”, per le trasformazioni urbanistiche che consentivano la crescita diffusa dell’edilizia residenziale. Lo strumento giuridico della “convenzione” consentiva a imprenditori disinvolti di superare le regole, favorendo anche lo stravolgimento un po’ spregiudicato delle proprietà (fondiarie) nell’uso del suolo. I capitali dell’aristocrazia romana, dai legami stretti con il Vaticano, erano sostituiti nel patrimonio urbano da nuove figure di investitori. Esempi monumentali di trasformazione urbana avvengono all’Esquilino, dell’arch. Gaetano Koch e di Mons. De Merode, investitore papalino. L’architettura dei travertini divenne un po’ piemontese neoclassico-neorinascimentale, ma con esempi notevoli di modernità, ancora oggi manifesti delle nuove tecniche costruttive nelle strutture miste mattone-ferro che fanno ancora scuola nei testi di architettura e ingegneria: il Museo Geologico a Largo S. Susanna (1873-1885), dove sempre il Canevari si esprime in un pregevolissimo baluardo di tipologia costruttiva.  Segue il Palazzo Bocconi, ovvero “la ex Rinascente” all’angolo di Via del Corso con Via del Tritone, altro esempio illuminante non solo per l’uso della struttura metallica, ma per l’iniziativa del concorso pubblico che gli investitori privati adottarono (1885), vinto dall’arch. De Angelis e dall’ing. Bucciarelli. Progetto mirabile di composizione dei prospetti a vetrate e degli interni che esaltano la struttura in ferro-ghisa. Anticipazione dell’altrettanto mirabile “Rinascente” di Franco Albini e Franca Helg a Piazza Fiume.

Fin qui pochi accenni della ri-nascente città Capitale d’Italia. Resta quell’ideale della Caput Mundi, in questi ultimi decenni compromessa in controverse vicissitudini urbanistiche, da rifasare per restituirla alla sua eternità del tempo. Non come quel recente lifting giuridico addirittura del nome, “Roma Capitale”, così forse per gli irrisolti percorsi amministrativi che ne hanno offuscato “La grande bellezza”. O forse per ricordare proprio a noi, viandanti distratti, che è la Capitale d’Italia, da ri-leggere e decifrare in un algoritmo capitale.

Ponte Rotto, Van Wittel – 1690 | Fonte: Sito internet Rerum Romanarum

Annunziato Seminara

Architetto

Referente Competenze professionali – Ordine Architetti P.P.C. di Roma e Provincia

ALLEGATI
PHOTOGALLERY

TAG

CONDIVIDI

VEDI ANCHE
Aprile 14 2022
La Formazione dell’OAR, nelle sue linee programmatiche generali, intende fornire un supporto valido e concreto all’aggiornamento delle conoscenze normative, tecniche...
articolo
Professione
Aprile 8 2022
La ristrutturazione della GIL Trastevere ha stimolato un dibattito che partendo dai criteri del progetto di restauro arriva fino ai...
articolo
Conservazione
Aprile 4 2022
[ Introduzione al libro “Attualità di Borromini. Una lezione di Paolo Portoghesi” / Architetti Roma edizioni e MAXXI, Roma 2021...
articolo
Architettura