Qt Svg DocumentGenerated with QtLayer 1
Qt Svg DocumentGenerated with QtLayer 1

AREA
ISCRITTI OAR

Articolo
10 Settembre 2021

Gianluca Peluffo. “Il giuramento di Pan. Per una fratellanza estetico-politica in architettura” – di Federica Andreoni

“Il giuramento di Pan. Per una fratellanza estetico-politica in architettura” di Gianluca Peluffo è uscito per Marsilio Editore a luglio 2021.

Peluffo è architetto e professore associato in Progettazione architettonica presso l’Università degli Studi di Enna Kore. Affronta da progettista e docente il tema della contemporaneità nel rapporto tra città, comunità e paesaggio attraverso un’architettura che definisce “genealogica”.

Il libro, presentato durante il Festival dell’Architettura SPAM 2021, è nato da un lavoro di tanti anni, un progetto scaturito lavorando e costruendo architetture, numerose nella fortunata carriera ormai pluridecennale.
La pubblicazione rappresenta il tentativo di coniugare studio e progetto, analisi e architettura.

Non si tratta di un libro teorico, quanto piuttosto di un pamphlet con componenti autobiografiche: rafforzare l’idea che la componente autobiografica sia fondamentale nel fare architettura, non come orizzonte autoreferenziale ma al contrario come possibilità di dialogo e di condivisione, è di fatto una delle idee chiave che guidano il lavoro di Peluffo.

In contrasto con l’idea di identità, il volume presenta il concetto di genealogia, che non è mai unica – le genealogie possibili sono infinite – e non è mai statica. La genealogia va sempre verso il futuro, si inserisce in una linea che è in perenne trasformazione.
Anche la condizione infantile, racconta l’autore, è uno dei temi principali trattati nel libro: una condizione straordinaria in cui non si distingue il sé dal mondo.; nel lavoro di Peluffo difatti, nei 25 anni di professione, si ritrova l’ambizione a tornare in quella condizione magica, infantile, cercando di non sentirsi distinti dal mondo esterno, sia in termini fisici che spirituali.

Dichiara infatti: “l’architettura è un corpo fisico e spirituale, che ha bisogno di inventare linguaggi per dialogare con il mondo, che esiste solo nel rapporto con l’esterno e con gli altri”.

All’eretico e alla genealogia è dedicata specificatamente l’ultima parte del libro, intitolata appunto “Dell’Eretico e del Genealogico”.

Salone della Vittoria del Palazzo dell’arte progettato da Edoardo Persico, Marcello Nizzoli, Giancarlo Palanti, scultura di Lucio Fontana.

Tra queste pagine possiamo leggere: “Se l’architettura «è un enigma che si spiega con il cuore», questo enigma è un
ambiguo anacronismo costruito dalla compresenza di oggetti fisici, materici e poetici, di elementi, di caratteri,
capaci di innescare una nuova partenza, un inizio, continuo.
[…] Edifici in forma di enigmi rappresentano allora la strada della costruzione, per il recupero del rapporto con la
realtà del contemporaneo, per non arrendersi al presente e alla cronaca, per cattiva (e oggi lo è) o buona che sia.
L’enigma è necessariamente una forma di dialogo non pacificante: domande incomprensibili, risposte possibili,
dubbio che ci accompagna.

Piero della Francesca, Il sogno di Costantino.
Affresco, Basilica di San Francesco, Arezzo, 1458-1466


Il corpo dell’architettura è «dissenziente ed eretico» perché è per scelta estraneo al presente, ma cerca il buio del
contemporaneo
. La sua plurima dislocazione nel tempo è una potente forma di dissenso. Proporremo allora alcuni
«accostamenti eretici» che accostino l’architettura italiana del dopoguerra all’arte italiana.
Gli accostamenti proposti dall’autore, frutto del coinvolgimento anche degli studenti di Iulm a Milano dove insegna,
rafforzano “la convinzione che la genealogia, l’idea di una convergenza di arti e architettura nel rapporto fra corpo e
spazio, in una composizione poetica e sempre innovativa di immagini, sia il territorio nel quale continuare ad
applicare le energie di progettista.”
Ritroviamo così, come accostamenti eretici, la «Flagellazione di Cristo» di Piero della Francesca (1460) e la seconda
stanza della Galleria delle sculture di Castelvecchio di Carlo Scarpa (1960) in cui si raffrontano ritmo, luce, posizione
delle figure, linee degli sguardi.
O ancora Il «Sogno di Costantino» di Piero della Francesca (1464) e la chiesa sull’Autostrada di Giovanni Michelucci
(1964) accostate in virtù del mito della tenda e dell’albero, presente in entrambi, come primi elementi della nascita di
una comunità.

Chiesa dell’Autostrada del Sole, Firenze – Giovanni Michelucci, Enzo Vannucci


Come modelli dell’anima eretica che definisce “propria dell’architettura italiana”, Peluffo individua ed analizza nel
libro due architetture e un manifesto genealogico. Si presentano dunque così il Salone della Vittoria alla VI Triennale
di Milano di Edoardo Persico, la Casa del Fascio di Giuseppe Terragni e la Casa Malaparte di Curzio Malaparte e
Adalberto Libera, in forma di letture progettuali, senza una specifica solidità scientifica.
Nel complesso si tratta di un libro bellissimo, agile, piacevole e, così come lo definisce con ironia lo stesso autore, “anche divertente”.

Gianluca Peluffo – Il giuramento di Pan. Per una fratellanza estetico-politica in architettura, Marsilio Editori, Luglio 2021
https://www.marsilioeditori.it/lista-autori/scheda-libro/2970649-il-giuramento-di-pan/il-giuramento-di-pan

Federica Andreoni, Redazione AR Web

ALLEGATI
PHOTOGALLERY

TAG

CONDIVIDI

VEDI ANCHE
Ottobre 24 2022
Associazione culturale Canova22 – Via Canova 22. Roma, 5 – 28 maggio 2022 Nell’anno delle celebrazioni per il bicentenario di...
articolo
Architettura
Ottobre 10 2022
Promuovere nelle scuole la cultura urbana come disciplina fondamentale per la formazione dei giovani, che incentivi comportamenti per la cura...
articolo
Professione
Ottobre 2 2022
Atti del Convegno “Abitare la Terra” – A cura di Daniela Gualdi e Flavio Trinca Si ringraziano gli ospiti intervenuti...
articolo
Paesaggio