Qt Svg DocumentGenerated with QtLayer 1
Qt Svg DocumentGenerated with QtLayer 1

AREA
ISCRITTI OAR

50 ANNI DI PROFESSIONE

Giovanni Barucci
Giovanni Barucci

Giovani Barucci nasce a Roma il 16 maggio 1927 e si laurea in Architettura presso l’Università di Roma nel 1956.
Nel 1958-59 svolge attività di Assistente Volontario presso la cattedra di Disegno dal Vero II nella Facoltà in cui si è laureato.
Dopo le prime esperienze compiute in campo industriale nella progettazione di infissi in alluminio e di costruzioni metalliche presso la società COMET, nel 1961 diventa consulente stabile presso la TECNOSIDER Spa, società di industrializzazione edilizia, in quell’ anno costituitasi.
Da allora, in collaborazione con l’arch. Pietro Barucci e l’ing. Fabrizio Todini, studia e progetta per conto di questa Società sistemi di industrializzazione edilizia per edifici monopiano e pluriplano. Con l’uso di tali sistemi sono state costruite varie scuole – materne, elementari e medie – nei comuni di Roma, Bologna e Milano.
Alcuni suoi progetti, come quello per la nuova sede della Biblioteca Nazionale a Castro Pretorio di Roma (1959), quello per il nuovo quartiere autosufficiente Stadio La Rosa di Livorno (1959-60) e quello per il Concorso internazionale dalla CECA per l’abitazione europea media da realizzarsi in produzione industrializzata (1966), sono pubblicati sulle riviste “Casabella” e “Costruire”.

Dal 1966 si costituisce in studio associato con gli architetti Pietro Barucci, Beata Di Gaddo ed Ugo Sacco, con sede a Roma in via Margutta 78 e denominato BDS.
Negli anni 1966-67 con lo Studio BDS collabora alla pianificazione urbanistica di diciotto città in Etiopia per conto dell’Imperiale Governo Etiopico, trasferendosi per circa sette mesi nella nuova sede dello studio ad Addis Abeba (Etiopia).

Nel campo della prefabbricazione, come consulente tecnico della LAMARO Spa, negli anni settanta e ottanta si occupa della progettazione esecutiva per i cantieri di edilizia popolare Tiburtino Sud, Laurentino 38 e Tor Bella Monaca a Roma, in collaborazione con l’arch. Pietro Barucci e l’ing. Ermanno Clementoni. Sempre come consulente tecnico della LAMARO Spa è direttore di cantiere per la realizzazione della chiesa delle Tre Fontane dedicata a S. Josemaria Escrivà, inaugurata da papa Giovanni Paolo II il 10 marzo 1996.
Negli anni 2002-2003 collabora con l’ing. Marcello Servoli al completamento della chiesa Dives in Misericordia, progettata da Richard Meier e costruita dalla LAMARO Spa nel quartiere di Tor Tre Teste a Roma.
Si occupa inoltre della progettazione esecutiva di cantiere per i centri commerciali realizzati dalla LAMARO Spa al Tiburtino Sud, Fontana Candida, Cinecittàdue e Bufalotta.

PHOTOGALLERY

ATTIVITÀ

DELL'ORDINE

POLITICA

DELL'ORDINE