Social

Qt Svg DocumentGenerated with QtLayer 1
Qt Svg DocumentGenerated with QtLayer 1

50 ANNI DI PROFESSIONE

Sostegni Americo
Sostegni Americo
Sostegni Americo

Americo Sostegni nasce a Roma il 3 settembre 1937 e qui frequenta la Facoltà di Architettura dell’Università “Sapienza” laureandosi nel febbraio 1964. Nello stesso anno ottiene l’abilitazione all’esercizio della professione ed è iscritto all’Albo dell’Ordine degli Architetti PPC di Roma e provincia con la matricola n. 1638.

Appena abilitato è nominato assistente volontario al V anno presso la Cattedra di Tecnologia dei materiali e Tecnica delle costruzioni della Facoltà di Architettura “Valle Giulia” dall’allora titolare prof. Gaetano Minnucci, avendo conseguito nella sua materia il massimo dei voti con lode. La nomina è confermata dal successivo titolare di cattedra, prof. Carlo Cestelli Guidi, sino al 1973.

Sempre nel 1964 risulta idoneo per concorso della qualifica di progettista della GESCAL nella Sezione Urbanistica ed Edilizia e viene inserito nell’Albo nazionale a ciò dedicato.
Nel 1968 è assunto per concorso dall’Istituto Nazionale delle Assicurazioni presso l’Ufficio progetti. Due anni dopo ottiene una borsa di studio del CNR per la ricerca sulla prefabbricazione pesante nell’edilizia.
Nel 1973 ottiene l’incarico dall’IACP di Roma per il progetto urbanistico del Quartiere Laurentino, unitamente agli architetti P. Barucci (capogruppo), A. De Rossi, L. Giovannini, C. Nucci, che prende il nome dal Piano di Zona n. 38 del Piano Attuativo della legge n.167 su aree destinate all’edilizia economica e popolare. Il Laurentino 38 è una delle più grandi realizzazioni di edilizia economica pubblica a Roma.

Alla propria attività di studio e approfondimento affianca, sin dall’inizio, partecipazioni a concorsi di architettura, conseguendo diversi risultati positivi, come quello del 1965 per le stazioni sull’Autostrada Salerno – Reggio Calabria che lo vede vincitore, insieme agli architetti M. Cestelli Guidi e O. Iolita; mentre nel 1971 ottiene il secondo premio nel concorso per la progettazione di una scuola elementare e media in via Damiano Chiesa a Roma, con L. Borroni, D. Lugini e G. Siciliano.

Si segnala anche per l’attività di consulente per diversi Enti Pubblici laziali.
è iscritto all’Albo nazionale della GESCAL (1968), nonché all’Albo dell’Istituto Sviluppo Edilizia Sociale del Lazio (dal 1969) ed all’Ufficio tecnico della IX Ripartizione di Roma per l’edilizia scolastica (1974).

Nella sua lunga attività professionale progetta le ristrutturazioni di numerosi edifici ad uso pubblico e privato tra i quali si segnalano: la ristrutturazione di un albergo in via Calzaioli a Firenze, primo progetto (1972); la ristrutturazione di edifici in via Correnti e in via Camperio a Milano (1978); la ristrutturazione di un edificio in piazza Mazzini a Modena (1974); la ristrutturazione del Palazzo Cesaroni, sede della Regione Umbria a Perugia (1973); la ristrutturazione degli edifici della Regione Lazio in via del Moro (1990) e dell’ immobile “Hotel Minerva” in piazza della Minerva, entrambi a Roma.

Molte le opere realizzate, sia pubbliche che private, come il restauro del Palazzo dei Notai in piazza Maggiore a Bologna (1978), il piccolo museo permanente di Palazzo Strozzi a Firenze (1971); la stazione di controllo Enel – Roma sud (1966), progetto pubblicato su L’Architettura n. 190 del 1971.
Numerosi sono anche i progetti e le realizzazioni di edifici e complessi residenziali: a Villasimius (Cagliari, 1973-85); a Roma in via Gregoriana (1977), in via Marcella (1978), in via Cimarra (1982) e in piazza degli Zingari (1989); a Ghemme (Novara) in via San Martino (1999).

Molteplici, inoltre, sono le sistemazione di interni e di arredamento oltre alla progettazione delle Agenzie Generali INA a Perugia in via Baglioni nel 1973, a Carpi (Modena) in piazza Garibaldi nel 1979, a Lodi in via IV Novembre nel 1974, a Milano in via Agnello nel 1999.

Sin dai primi anni di attività molti sono i riconoscimenti all’attività professionale attestati da diverse pubblicazioni, contenute in note e prestigiose riviste del settore sin dai primi anni d’attività.

Nel 1983 cura la pubblicazione del volume sul restauro Il palazzo monumentale dei Notai in Bologna, edizioni INA.

L’intera vita professionale è sempre tesa all’aggiornamento, come dimostrano i frequenti corsi di perfezionamento seguiti in diversi campi: costruzioni in acciaio nel 1964; tecnica edilizia nel 1967; edilizia industrializzata nel 1979; energia solare nell’edilizia nel 1982; condono edilizio nel 1985; coordinatore della sicurezza nel 1998.

La soddisfacente libera professione è affiancata al lavoro dipendente presso l’Istituto Nazionale Assicurazioni, ufficio progetti del Servizio Tecnico Immobiliare fino al pensionamento con la qualifica di dirigente.

Nel 1991 riceve l’onorificenza di Cavaliere al merito della Repubblica Italiana.

Continua l’attività professionale presso il suo Studio in Roma, rivolta all’architettura, all’industrial design e all’arredamento, senza trascurare la passione per la fotografia che pur gli regala soddisfazioni e riconoscimenti: nell’anno 1976 è inserito nel Catalogo nazionale della Fotografia Ed. Bolaffi, a riprova della qualità dei suoi lavori già premiati e pubblicati su diverse riviste.

PHOTOGALLERY

ATTIVITÀ

DELL'ORDINE

POLITICA

DELL'ORDINE