Social

Qt Svg DocumentGenerated with QtLayer 1
Qt Svg DocumentGenerated with QtLayer 1

NOTIZIE

Architettura
30 Marzo 2020

Reinventing Cities Roma, proroga al 5 giugno per le manifestazioni di interesse

È stato prorogato al prossimo 5 giugno 2020 il termine ultimo per la presentazione delle proposte relative a ReinvenTIAMO Roma, il programma rientrante nel bando internazionale C40 Reinventing Cities: una decisione, comunicata attraverso una nota del Campidoglio, connessa alle difficoltà generate dall’emergenza epidemiologica da Covid-19 in atto.

Ci sarà più tempo, quindi, per i soggetti interessati a partecipare e inviare proposte per gli interventi nei cinque diversi siti con cui Roma Capitale aderisce al bando internazionale Reinventing Cities. Si tratta, in particolare, dei seguenti complessi da trasformare e rigenerare: ex Mira Lanza, ex Filanda, aree dismesse della Stazione Tuscolana, ex mercato di Torre Spaccata, ex istituto Vertunni.

Obiettivi del bando: valorizzare il patrimonio edilizio esistente; stimolare sviluppi innovativi a zero emissioni di carbonio a livello globale; attuare le migliori idee per trasformare siti sottoutilizzati in casi di sostenibilità e resilienza favorendo la collaborazione attiva tra pubblico e privato.

«Il gruppo di lavoro, gli uffici e l’assessorato – ha dichiarato l’assessore all’Urbanistica di Roma Capitale, Luca Montuori – proseguono anche in questa fase così delicata un attento lavoro di analisi e di supporto per continuare a fornire informazioni e chiarimenti sui diversi siti in gara, in sinergia con il Comune di Milano e le altre città del mondo che partecipano alla competizione. Una gara internazionale sulla rigenerazione urbana che punta a promuovere progetti di rigenerazione a impatto zero e con i più alti standard di sostenibilità ambientale e sociale”.

Qui la nota: https://www.comune.roma.it/web/it/notizia.page?contentId=NWS558403

Per informazioni e aggiornamenti sul concorso: https://www.c40reinventingcities.org/

(FN)

di

PHOTOGALLERY

TAG

ATTIVITÀ

DELL'ORDINE

POLITICA

DELL'ORDINE