Social

Qt Svg DocumentGenerated with QtLayer 1
Qt Svg DocumentGenerated with QtLayer 1

NOTIZIE

Territorio
06 Luglio 2020

Riqualificazione ex Punti Verdi Qualità: si parte dal bando per Spinaceto Sud

Verso un’azione di recupero e valorizzazione degli ex Punti Verdi Qualità (Pvq) di Roma, iniziando da Spinaceto Sud. È stato pubblicato sul sito di Roma Capitale l’avviso pubblico esplorativo per procedere a una «consultazione preliminare di mercato» per ricevere proposte per riqualificazione e riuso degli immobili di proprietà comunale presenti nell’ex Pvq del IX Municipio, la cui concessione è stata revocata. Obiettivo: ridare vita all’area pubblica dell’ex Città del Rugby di Spinaceto, una zona di circa 300mila metri quadri con immobili in stato di abbandono e vandalizzati da riqualificare, garantendo anche manutenzione e fruibilità delle aree verdi.

L’avviso esplorativo punta a raccogliere proposte di recupero per la valorizzazione dell’area e dell’ambito urbano circostante, anche allo scopo di garantire maggiore accessibilità ai servizi per i cittadini con il raggiungimento di nuovi standard di qualità sociale e ambientale. Riguardo ai tempi, per l’area di Spinaceto Sud ci sono 120 giorni, a partire dallo scorso 25 giugno, per presentare proposte al Dipartimento Politiche Abitative di Roma Capitale.

Qui il bando: LINK

A spiegare i prossimi passi riguardanti i Punti Verdi Qualità è l’assessora al Patrimonio e alle Politiche Abitative, Valentina Vivarelli: «Dopo l’ex punto verde qualità di Spinaceto Sud  – si legge in una nota del Campidoglio – lanceremo una analoga consultazione di mercato anche per quello del Parco della Madonnetta. La raccolta di proposte progettuali punta alla valorizzazione dell’architettura e della funzione di centro aggregativo per i quartieri all’interno dei quali sono collocati i Pvq. Al tempo stesso si vuole riconfigurarne l’assetto, attualizzandolo attraverso la previsione di spazi multifunzionali e facilmente reversibili, in grado di adattarsi alla richiesta di nuovi usi indotti dal cambiamento degli stili di vita e in linea con i nuovi modi di concepire la socialità e l’aggregazione. In questa fase preliminare, è possibile presentare idee e proposte non vincolate alle preesistenti previsioni progettuali ed è lasciata libertà all’inventiva degli aderenti all’iniziativa».

(FN)

di

PHOTOGALLERY

TAG

ATTIVITÀ

DELL'ORDINE

POLITICA

DELL'ORDINE