Social

Qt Svg DocumentGenerated with QtLayer 1
Qt Svg DocumentGenerated with QtLayer 1

AVVISI

01 Aprile 2020
Archiviati
E' on line il NUOVO TESTO sul BONUS di 600€ per professionisti iscritti a Inarcassa. Disposizioni in merito a emergenza covid-19

Informiamo gli iscritti a Inarcassa, che è stato pubblicato il nuovo testo inserito al Decreto attuativo del DL 18/2020.

PER DETTAGLI VAI AL SEGUENTE LINK

Nel nuovo testo che prevede l’indennità una tantum di 600 euro a favore dei liberi professionisti, è stato eliminato il riferimento alla regolarità contributiva, possono accedere:

  • i professionisti che abbiano percepito nell’anno di imposta 2018 un reddito non superiore a 35.000,00 € e la cui attività sia stata limitata dai provvedimenti restrittivi dovuti all’emergenza
  • i professionisti che abbiano percepito un reddito compreso tra 35.000,00 € e 50.000,00 € e abbiano cessato, ridotto o sospeso la loro attività di almeno il 33% nel primo trimestre 2020, rispetto allo stesso reddito del primo trimestre 2019, secondo il principio di cassa tra quanto incassato e quanto speso.

Si potrà effettuare la richiesta, (secondo le specifiche dell’art.3), dal 1° al 30 aprile, compilando il modulo on line, attraverso l’area riservata di Inarcassa On Line.  La domanda va effettuata nella sezione del menu domande e certificati alla voce domande e si chiama ‘indennità una tantum liberi professionisti – art.44 DL 18/2020’.

CONSULTA BENEFICIARI E REQUISITI

LEGGI LE DOMANDE PIU’ FREQUENTI

Si ricorda che, ai sensi dell’art. 126 comma 7 del decreto legge n. 18 del 2020, il Ministero dell’Economia e delle Finanze è autorizzato a rimodulare le risorse in base alle esigenze, pertanto non è necessario fare tutti la domanda il 01 aprile, perché sarà inevitabile che i siti internet di tutte le Casse, non potranno gestire il traffico di 80/100 mila utenti in un solo giorno.

Saranno ammissibili tutte le domande fatte entro il 30 aprile.

Per le novità, a seguito del nuovo Decreto del Governo del 22 marzo 2020, si ricorda quanto segue:

  • Gli uffici dell’Ordine saranno aperti al pubblico, per i servizi essenziali, nella sola giornata di mercoledì, esclusivamente su appuntamento da richiedere a: protocollo@architettiroma.it

Il centralino dell’OAR sarà attivo nei consueti orari di apertura al pubblico dal lunedì al venerdì dalle 09.00 alle 13.00 e il lunedì e mercoledì anche dalle 14.30 alle 16.30.

PER QUANTO RIGUARDA LE MODALITA’ E LE PROCEDURE PER ACCEDERE AI SERVIZI E AI SUSSIDI

PREVISTI DAL DECRETO CURA ITALIA E SIMILARI, SI CONSIGLIANO VIVAMENTE GLI ISCRITTI

DI CONSULTARE LE PAGINE WEB DI INPS E DI INARCASSA, IN BASE AL PROPRIO REGIME CONTRIBUTIVO,

DOVE VENGONO AGGIORNATI QUOTIDIANAMENTE LE PROCEDURE E LE MODULISTICHE RELATIVE.

www.inps.it

www.inarcassa.it

per bonus baby sitting vai al seguente link

per finanziamenti a tasso zero per iscritti a Inarcassa vai al seguente link

per indennizzo 600€ per autonomi iscritti all’INPS vai al seguente link

leggi i dettagli al seguente link

  • Le attività professionali non sono sospese.

Le attività degli studi di architettura e d’ingegneria; collaudi ed analisi tecniche, sono state inserite, tra le attività essenziali, nell’ Allegato 1 del DPCM 22/03/2020.

Si ricorda tuttavia che restano ferme le previsioni di cui all’articolo 1, punto 7, del decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 11 marzo 2020:

In ordine alle attività produttive e alle attività professionali si raccomanda che:

a) sia attuato il massimo utilizzo da parte delle imprese di modalità di lavoro agile per le attività che possono essere svolte al proprio domicilio o in modalità a distanza;

b) siano incentivate le ferie e i congedi retribuiti per i dipendenti nonché gli altri strumenti previsti dalla contrattazione collettiva;

c) siano sospese le attività dei reparti aziendali non indispensabili alla produzione;

d) assumano protocolli di sicurezza anti-conta- gio e, laddove non fosse possibile rispettare la distanza interpersonale di un metro come principale misura di contenimento, con adozione di strumenti di protezione individuale;

e) siano incentivate le operazioni di sanificazione dei luoghi di lavoro, anche utilizzando a tal fine forme di ammortizzatori sociali;

  • I cantieri edili sono sospesi ad esclusione delle lavorazioni che rientrano nei seguenti codici ATECO:

  1. 42 Ingegneria civile;
  2. 43.2 Installazione di impianti elettrici, idraulici e altri lavori di costruzioni e installazioni;

E’ bene verificare nell’allegato che segue le tipologie di lavori che si possono svolgere all’interno dei codici ATECO previsti nel Decreto.

CONSULTA L’ALLEGATO: TIPOLOGIA DI LAVORI AMMESSI E SOSPESI

In ogni caso nei cantieri che possono continuare ad operare, bisogna rispettare le prescrizioni di sicurezza, si allegano le Linee Guida del Ministero delle Infrastrutture in tal proposito.

LINEE GUIDA CANTIERI MIT

DPCM 22 03 2020

MODULO DI AUTOCERTIFICAZIONE

ATTIVITÀ

DELL'ORDINE

POLITICA

DELL'ORDINE