NOTIZIE

Cultura
14 Novembre 2023

Roma altrimenti

Roma altrimenti
a cura di Andrea Guastella e Studio M’arte
25 novembre-29 novembre 2023
Casa dell’Architettura, Acquario Romano
Roma, Piazza Manfredo Fanti 47
Orari: lun.-ven. 10.00-19.00
sab. 25 novembre. 09.00-23.30
Ingresso libero

Il 25 novembre, in occasione dell’evento Musei in Musica, inaugura la mostra fotografica di Paolo Romani Roma Altrimenti, a cura di Andrea Guastella e Studio M’arte, organizzata dall’Associazione Culturale Aurea Phoenix, al -1 Art Gallery della Casa dell’Architettura, nel Complesso Monumentale dell’Acquario Romano.
Dal testo di Andrea Guastella:
A quale Roma pensa Paolo Romani? Alla sua, e a nessun’altra. Roma altrimenti non è infatti uno studio alternativo delle periferie o delle zone disagiate di Roma capitale; è la stessa città-cartolina che tutti abbiamo attraversato, vuoi perché ci siamo nati, vuoi perché la abbiamo visitata. Ma vista in un modo differente, secondo un approccio costato al fotografo eterni ritorni. Un conto è, infatti, immortalare una località esotica – Romani è un ottimo fotografo di viaggio – dove tutto è una sorpresa, un altro ritrarre una sua vecchia amica, di cui gli sembra di conoscere ogni cosa. Di questo itinerario tra strade e piazze insolitamente vuote, ferite dal grigiore di un’ombra o al limite ostruite da un turista di passaggio, l’autore ci offre immagini che prediligono gli attimi, le emozioni fugaci: l’esatto opposto del “momento decisivo” di Hernri Cartier Bresson. Piuttosto foto che, come i capolavori del grande André Kertész, offrono tracce che rimandano a noi stessi, ricordandoci quanto sia vasto il nostro inconscio. E senza mai perdere di vista l’universo circostante, che non smarrisce il suo carattere di oggetto percepito. Certo è difficile di questi tempi imbattersi in foto originali; tanto più se la tecnica è il bianco e nero in analogico e il soggetto è la città probabilmente più fotografata al mondo. Paolo Romani ci è riuscito anche grazie a Holga, la macchina-giocattolo fatta di plastica dalla testa ai piedi, che rilascia scatti sporchi, bruciati, sovraesposti, costringendo chi la impiega a mettere da parte le più elementari norme compositive. Romani, per dirne una, non può fare a meno di scegliere inquadrature centrali: le uniche in grado di restituire, tra una sfocatura e l’altra, un’impressione regolare. Bene, nelle visioni di Romani il limite si trasforma in occasione: le sfocature entrano in calcolato contrasto con le geometrie esatte predilette dal fotografo. Gli scorci di Roma, anche i più noti, risultano contaminati da un senso di ordine e, insieme, di incertezza e sospensione. Non dunque solo Roma, ma Roma altrimenti. Dove la realtà finisce inizia il sogno.
Nato nel 1962 a Roma, Paolo Romani vive a Frascati. Fotografo, autodidatta, interessato principalmente alle tradizioni, alle culture, ai luoghi e ai popoli della cosiddetta Via della Seta. Predilige pellicole in bianco e nero e apparecchiature analogiche. Tra queste anche macchine fotografiche giocattolo e banchi ottici. Altre fotocamere utilizzate sono Mamiya 7, Leica M6 e Canon Eos 5. Ha viaggiato in Giordania, Siria, Iran, Armenia, Georgia, Azerbaigian, Turkmenistan, Uzbekistan, Kirghizistan, Tagikistan, Pakistan, Xinjiang, Mongolia. Ha tenuto diverse mostre in Italia. Il suo ultimo progetto intitolato ROME OTHERWISE è stato esposto a Rijeka, in Croazia. I suoi lavori sono stati pubblicati su B&W Magazine e sulla rivista Silvershotz. Tra i suoi libri Imagine Uzbekistan, Edizioni Novale 2007 ed Elegia Siriana – A Syrian Elegy Edizioni Casa Dei Libri 2016.
La mostra, organizzata dall’Associazione Culturale Aurea Phoenix, si inaugura in contemporanea all’evento Notte Musica e Musei 2023.

di

PHOTOGALLERY

TAG

ATTIVITÀ

DELL'ORDINE

POLITICA

DELL'ORDINE