Social

Qt Svg DocumentGenerated with QtLayer 1
Qt Svg DocumentGenerated with QtLayer 1

POLITICA DELL'ORDINE

Archiviati
26 Gennaio 2021

Superbonus tra ritardi, vincoli e incertezze. OAR e Fondazione Inarcassa scrivono alle Istituzioni: «Disponibili al confronto». Comunicato e rassegna stampa

di Redazione OAR

Quasi venti settimane per avere un quadro normativo completo, continui aggiornamenti e interpretazioni anche contraddittorie. È il ritratto della confusione che ha segnato, fino ad oggi, il percorso del Superbonus, strumento varato d’urgenza dal Governo per favorire la ripresa post-Covid19 – puntando su sostenibilità, sicurezza sismica, rigenerazione urbana – e che invece stenta tuttora a decollare. A denunciare la situazione sono stati, con un comunicato congiunto, Fondazione Inarcassa e Ordine degli Architetti di Roma e provincia, chiedendo alle Istituzioni coinvolte, un intervento rapido, norme certe, una task force per i controlli. E offrendo la più ampia disponibilità al confronto.

Per superare le troppe incertezze e contraddizioni che hanno frenato il cammino del Superbonus, Fondazione Inarcassa e OAR, in rappresentanza di 170 mila architetti e ingegneri liberi professionisti, sottolineano – si legge nel comunicato – la necessità di «avere informazioni chiare e corrette non soggette ad interpretazioni». Ed inoltre, aggiungono, «è fondamentale stabilizzare la norma ed evitare continui aggiornamenti e modifiche in corso d’opera che agiscono da detrattore per i committenti, per non vanificare l’importante obiettivo normativo di riqualificare dal punti di vista energetico e sismico il nostro patrimonio edilizio».

L’auspicio comune è che «la Commissione consultiva, istituita presso il Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici in tema di Sismabonus e Superbonus, possa svolgere un ruolo di coordinamento, anche con il supporto degli Ordini professionali». Altrettanto urgente – per i firmatari della nota – è l’avvio di 􏰟una task force per effettuare controlli nei confronti, soprattutto, di General Contractor ed Esco, «per monitorare il processo e per verificare la serietà delle operazioni», evitando spiacevoli conseguenze per i proprietari ma anche danni patrimoniali a carico dello Stato.

Nel comunicato stampa, qui sotto in allegato, maggiori dettagli e le dichiarazioni di Franco Fietta, presidente Inarcassa, e Flavio Mangione, presidente OAR.

Ampio il riscontro avuto sui media dalla denuncia lanciata da Fondazione Inarcassa e OAR. A seguire i link ad alcune delle uscite stampa. Qui, invece, «Il superbonus che potrebbe trasformarsi in un boomerang», riflessione di Marco Alcaro, tesoriere OAR, pubblicata online su Domani: LINK

Ansa: LINK

Quotidiano Condominio – Il Sole 24 Ore: LINK

Edilportale: LINK

Lavori Pubblici: LINK

LavoroLazio: LINK

Monitor Immobiliare: LINK

(FN)

di

PHOTOGALLERY

TAG

ATTIVITÀ

DELL'ORDINE

NEWS

DELL'ORDINE