Social

Qt Svg DocumentGenerated with QtLayer 1
Qt Svg DocumentGenerated with QtLayer 1

POLITICA DELL'ORDINE

Azioni del Consiglio
16 Luglio 2020

Urbanistica Roma, OAR: «Bene condono online, ma serve personale per sblocco pratiche»

di Redazione OAR

L’Ordine degli Architetti di Roma in prima linea per sollecitare maggiore efficienza nelle procedure amministrative che abilitano l’attività urbanistica sul territorio capitolino. Se da una parte, infatti, si registra un passo in avanti sul fronte della «digitalizzazione» dell’ufficio Condono di Roma Capitale, dall’altra permane – nonostante le recenti assunzioni – una pesante carenza di personale tecnico in forza al Dipartimento di Pianificazione e attuazione urbanistica (PAU), che ne ostacola il corretto funzionamento soprattutto in termini di tempistica nelle risposte alle istanze di cittadini e progettisti.

In una lettera (in allegato) inviata lo scorso 10 luglio alla sindaca di Roma Capitale, Virginia Raggi, l’OAR ha espresso soddisfazione per la nuova piattaforma per la lavorazione condoni messa a punto dal Campidoglio (qui l’articolo pubblicato sul sito), rimarcando il « passo in avanti realizzato con la digitalizzazione dell’ufficio del Condono, che sicuramente porterà benefici alla città e ai suoi cittadini». Sottolineando, però – nel contempo – il rischio che i benefici svaniscano, «insieme agli sforzi di ammodernamento dell’amministrazione comunale, per la mancanza di personale che interessa tutto il dipartimento PAU». E chiedendo «un intervento rapido e risolutivo nello stesso interesse dell’amministrazione comunale, per cercare di dare un nuovo impulso economico alla città: i condoni bloccano molti lavori nel comparto edile».

L’attenzione costante e le continue sollecitazioni sul tema da parte dell’Ordine hanno contribuito allo sblocco, lo scorso maggio, dell’assunzione di cento architetti da parte di Roma Capitale (qui la notizia): dei quali – però – solo 7 unità sono state destinate ai Dipartimento Urbanistica. La situazione, quindi, resta «critica», come quella descritta nella lettera che l’OAR ha indirizzato – a maggio, dopo aver appreso della tornata di assunzioni – alla sindaca e all’assessore al Personale, Antonio De Santis.

La mancanza di personale tecnico in forza all’organico del DPAU (che rischia di peggiorare per i pensionamenti previsti per il prossimo anno) – si legge nel documento – «risulta essere un serio ostacolo allo sviluppo della città», in quanto la certezza dei tempi di risposta «alle istanze della cittadinanza, nonché a quelle dei tecnici che la supportano, è fattore indispensabile per poter rendere concrete le proiezioni di crescita» della Capitale. Si stigmatizza, infine, «la situazione a cui sono sottoposti i colleghi, dipendenti pubblici, che si trovano a dover lavorare in condizioni di estremo disagio: pochi per troppe pratiche».

(FN)

di

PHOTOGALLERY

TAG

ATTIVITÀ

DELL'ORDINE

NEWS

DELL'ORDINE